DALL'ITALIA19:46 - 12 novembre 2010

Carla a casa con le mani nuove, «Voglio metterle subito sotto il rubinetto»

Monza. Tre anni fa, quando di anni ne aveva 49, per una grave setticemia, le avevano amputato mani e piedi. Oggi Carla Marti, 52 anni, è pronta per le dimissioni dall'ospedale dopo una delicata operazione di trapianto

di staff Style.it
<p>Carla a casa con le mani nuove, «Voglio metterle subito sotto il
rubinetto»</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

«La prima cosa che farò appena mi toglieranno le bende sarà mettere le mani sotto il rubinetto per cercare di sentire scorrere l'acqua sulle mani». Carla Marti, 52 anni, è pronta per lasciare l'ospedale San Gerardo, a Monza. Lo farà domani, e per lei sarà il giorno più bello da quando tre anni fa, nel 2007, per una setticemia molto grave le furono amputati mani e piedi. Un mese fa, la notte tra l'11 e il 12 ottobre, era stata sottoposta a un doppio trapianto di mani. Secondo Massimo Del Bene, il chirurgo che ha portato a termine il trapianto (il primo in Italia e uno dei pochi al mondo), il decorso post operatorio è positivo e la terapia antirigetto sta funzionando.


VAI ALLA PAGINA DI NEWS



Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).