DALL'ITALIA13:27 - 12 novembre 2010

Delitto di Avetrana, crisi cardiaca per Michele Misseri

Lo zio di Sarah Scazzi è stato colpito da una forte crisi cardiaca risolta positivamente dopo le cure dei sanitari dell’infermeria del carcere di Taranto dove è rinchiuso in isolamento dal 7 ottobre scorso

di staff Style.it
<p>Delitto di Avetrana, crisi cardiaca per Michele Misseri</p>
PHOTO LAPRESSE

Momenti di paura per Michele Misseri, lo zio di Sarah Scazzi indagato e agli arresti nel carcere di Taranto per la morte della nipote (con il concorso della figlia Sabrina).

Sabato 6 novembre, di ritorno dal sopralluogo in contrada Mosca, al pozzo di Avetrana dove il 26 agosto avrebbe nascosto il corpo della giovane, è stato colpito da una forte crisi cardiaca. E' stato sottoposto a terapia d'urgenza nell'infermeria del carcere di Taranto dove è rinchiuso in isolamento dal 7 ottobre.

La notizia è stat diffusa soltanto oggi. Per i medici penitenziari, l'attacco cardiaco sarebbe stato procurato dallo stress. Misseri resta  sotto controllo, ma sta bene.

Intanto, il referto della nuova perizia medico-legale sul corpo della ragazza uccisa rivela che sarebbe morta per asfissia nel giro di 2-3 minuti. Non è ancora possibile stabilire se sia stata violentata dopo la morte oppure no (come ha confessato di aver fatto lo zio, Michele Misseri).

Leggi anche:

- L'ARMA DEL DELITTO E' UNA CINTURA DUBBI SULL'ASSASSINO: POTREBBE NON ESSERE MISSERI

- TUTTI GLI ARTICOLI SUL DELITTO DI AVETRANA

- VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).