DALL'ITALIA11:39 - 14 novembre 2010

Brescia, scontri vicino al presidio degli immigrati

Una settantina di giovani anarchici si è scontrata con le forze dell'ordine alla fine di un corteo pacifico di solidarietà ai quattro immigrati che dal 30 ottobre vivono in cima a una gru per protesta, chiedendo di poter avere il permesso di soggiorno. Si contano alcuni contusi e feriti tra poliziottti e carabinieri

di staff Style.it
<p>Brescia, scontri vicino al presidio degli immigrati</p>
PHOTO AP/LAPRESSE

Scontri nel pomeriggio e nella notte tra sabato e domenica a Brescia, in via San Faustino, vicino alla gru su cui sono saliti «occupandola» per protesta il 30 ottobre quattro immigrati che chiedono di avere il permesso di soggiorno.

Una settantina di giovani, con vestiti e bandiere nere, all'apparenza anarchici, ha scatenato la violenza alla fine di una manifestazione di centinaia di persone fino a quel momento pacifica, che aveva come parole d'ordine la solidarietà verso gli immigrati e l'antifascismo (per protestare contro un raduno di Forza Nuova, che poi non si è tenuto).

Gli scontri sono avvenuti nello stesso luogo che aveva visto lunedì 8 lo sgombero da parte delle forze dell'ordine del presidio di solidarietà con la protesta degli immigrati. Ieri, secondo la ricostruzione della Questura, il gruppo di giovani dal fondo del corteo ha cominciato a lanciare fumogeni, petardi e anche una bomba carta, poi pietre, bottiglie e altro contro poliziotti e carabinieri. Mentre gli altri manifestanti urlavano per farli fermare. 

Ci sarebbero una ventina di contusi (di cui due ricoverati) tra le forze dell'ordine. Alcune persone sono state accompagnate in Questura per controlli.

VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Gemmo 70 mesi fa

hano ragione non si puo aspetere per un permeso di songiorno da sei mesi a un anno o pure te lo consegnano adiretura gia scaduta e cosi lavorano sepre in nero

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).