DAL MONDO14:26 - 16 novembre 2010

Il nuovo reality di Sarah Palin

Nella prima puntata la probabile candidata repubblicana alle prossime elezioni presidenziali del 2012 si mostra mentre pesca salmoni, è impegnata nella scalata sulle montagne, il rafting nelle ripide di un fiume. Le critiche sono però spietate, per il New York Times, il programma è una «una serie naturalistica per guardoni politici».

di Angelo Sarasi
<p>Il nuovo reality di Sarah Palin</p>
PHOTO SPLASH NEWS

Ha fatto registrare un audience altissima la prima punta del Sarah Palin's Alaska andato in onda sulla tv a pagamento americana Tlc, lo hanno visto quasi 5 milioni di persone, record di ascolti per questa rete via cavo.

Nella prima puntata la probabile candidata repubblicana alle prossime elezioni presidenziali del 2012 si mostra mentre pesca salmoni, è impegnata nella scalata sulle montagne, il rafting nelle ripide di un fiume. Le critiche sono però spietate, per il New York Times, il programma è una «una serie naturalistica per guardoni politici». Il reality andrà in onda, ogni domenica sera, per altre 8 settimane. La Grizzlie Mum, 46 anni ben portati, minuta, dal sorriso smagliante, occhiali e tailleur d'ordinanza, guadagna circa 10 milioni l'anno e con questo reality porta a casa un milione di dollari a puntata. Presto pubblicherà un secondo libro, che già si annuncia un best-seller, viaggia con un cachet di 100mila dollari a comizio e ogni suo cinguettino su Twitter viene letto da milioni di americani.

Insomma, una montagna di denaro che le servirà per finanziare la prossima campagna elettorale. E sta per nascere SpAlaska, un blog in cui ognuno potrà dire la sua sul programma. Oltre alle voci, probabilmente diffuse ad arte, su una presunta crisi matrimoniale con il compagno Todd e un accordo di divorzio pari a 20 milioni di dollari. Tutto perché si parli di Sarah.

GUARDA LE FOTO DELLO SHOW


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).