DAI PALAZZI09:19 - 17 novembre 2010

Avetrana, capelli sulla corda usata per calare il corpo di Sarah nel pozzo

Due capelli trovati proprio sulla corda che Michele Misseri avrebbe usato per calare il cadavere della nipote Sarah Scazzi nel pozzo pieno d'acqua in contrada Mosca. I capelli, di colore castano scuro, sarebbero stati trovati sulla corda sequestrata nella vettura della moglie di Misseri, Cosima Serrano

di staff Style.it
<p>Avetrana, capelli sulla corda usata per calare il corpo di Sarah
nel pozzo</p>
PHOTO LAPRESSE

VAI ALLO SPECIALE

Due capelli trovati proprio sulla corda che Michele Misseri avrebbe usato per calare il cadavere della nipote Sarah Scazzi nel pozzo pieno d'acqua in contrada Mosca. I capelli, di colore castano scuro, sarebbero stati trovati sulla corda sequestrata nella vettura della moglie di Misseri, Cosima Serrano. I ris vogliono ripartire da qui per provare a fare chiarezza nell'intricatissimo giallo di Avetrana.

I prossimi esami riveleranno se i capelli appartengono a Michele, inizialmente reo confesso dell'omicidio, a Sabrina alla vittima o a qualcun altro. Oltre ai due capelli, i Ris hanno riscontrato diverse macchie su alcune delle 50 cinte sequestrate in casa Misseri e tra le quali c'è anche quella indicata da Michele quale "arma" del delitto.

Si amplia intanto il collegio difensivo di Sabrina Misseri. Ad occuparsi del caso, oltre agli avvocati Vito Russo ed Emilia Velletri, sarà ora anche l'avvocato Francesca Conte, del foro di Lecce. Proprio la Conte ha annunciato in giornata che la sua nuova assistita assisterà venerdì prossimo all'esame del padre Michele nella forma dell'incidente probatorio, chiesto dalla Procura e disposto dal gip del tribunale di Taranto Martino Rosati.

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).