DALL'ITALIA13:40 - 22 novembre 2010

Michele Misseri vicino ai domiciliari (in convento)

Dopo che l'indagato, durante l'incidente probatorio, ha ribadito di non avere ucciso la nipote Sarah Scazzi, né di avere abusato sul suo corpo, l'unica accusa pendente su di lui è l'occultamento del cadavere. Il suo legale avrebbe pronta l'istanza di scarcerazione

di staff Style.it
<p>Michele Misseri vicino ai domiciliari (in convento)</p>
PHOTO LAPRESSE

Michele Misseri potrebbe lasciare la sua cella a giorni.
Secondo indiscrezioni, il suo avvocato, Daniele Groppa, sta per depositare nella cancelleria del Tribunale la richiesta di scarcerazione e di arresti domiciliari.
L'istanza sarebbe stata preparata in seguito all'incidente probatorio dove lo zio di Sarah Scazzi ha rivelato di non avere assassinato la nipote il 26 agosto, e di non avere nemmeno abusato del suo corpo indicando come autrice del delitto la figlia Sabrina.
L'unica accusa che penderebbe ora su Misseri, è quindi quella di occultamento del cadavere.
Qualora la giustizia dovesse accordare la richiesta, lo zio di Sarah non potrebbe scontare la pena nella sua casa di Avetrana: potrebbe essere trasferito in un convento.
Intanto, per oggi sono attese le motivazioni del Tribunale del Riesame che nei giorni scorsi ha rigettato la richiesta di scarcerazione di Sabrina.

VAI ALLO SPECIALE SARAH SCAZZI

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Adriana 73 mesi fa

secondo me Michele Misseri ha già sofferto tanto ed è molto provato, non sta a me giudicare, per i figli sdi fa tutto, ma lui è un padre, il più braìvo del mondo. ha fatto tutto quello che poteva.. lasciamolo un pò in pace che ritrovi dopo la sofferenza un pò di serenità. tanti auguri da parte mia. Le sono molto Vicina Sig. Misseri. La vita continua. Adriana

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).