DALL'ITALIA10:24 - 23 novembre 2010

«Può reiterare il delitto», Sabrina Misseri rimane in carcere

Secondo il Tribunale del riesame il movente è la gelosia. La ragazza potrebbe inquinare le prove, fuggire o commettere un altro delitto

di Sara Tieni
<p>«Può reiterare il delitto», Sabrina Misseri rimane in
carcere</p>
PHOTO LAPRESSE

Sabrina Misseri deve restare in carcere perché c'è il rischio «commetta delitti della stessa specie per cui si procede». La ragazza potrebbe inoltre fuggire e inquinare le prove. È quanto si legge nelle 54 pagine dell'ordinanza del Tribunale del riesame depositata oggi.

Il Tribunale del riesame quindi cambia il punto del movente dell'omicidio di Sarah Scazzi e, sposando integralmente le dichiarazioni del padre dell'estetista avetranese, la inchioda a responsabilità ben precise.

I giudici hanno scartato il movente sessuale, a carico del padre si Sabrina, Michele Missei «Il quale ha escluso che la figlia fosse venuta a conoscenza dell'episodio, unico, in cui aveva toccato i glutei della nipote».
Michele Misseri è credibile anche perché il solo movente dell'uccisione di Sarah è quello della gelosia che Sabrina nutriva per Ivano Russo, il ragazzo che, secondo Sabrina, l'avrebbe rifiutata per preferire la cugina 15enne.

Intanto si indaga sulla posizione della madre di Sabrina, Cosima Serrano che, sempre secondo il tribunale del riesame, ha mentito quando ha affermato di non essere in casa la mattina del 26 agosto, il giorno dell'omicidio di Sarah Scazzi, uccisa nel primo pomeriggio.

Dall'ordinanza del Tribunale del riesame risulta che «la presenza di Serrano Cosima all'interno della abitazione la mattina del 26.8.2010 (costei ha sempre negato questa circostanza affermando di essere andata a lavorare nei campi e di essere rientrata per l'ora di pranzo, dopo le 13.00) è confermata oggettivamente dall'acquisizione di documentazione bancaria da cui risulta che costei, alle ore 12.18, aveva effettuato il versamento di due assegni bancari sul proprio conto corrente acceso presso la Banca di credito cooperativo di Avetrana».   

VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).