DAI PALAZZI09:49 - 29 novembre 2010

Cassibile, arrestato il presunto mostro

Si chiama Giuseppe Raeli e ha già lasciato sotto scorta e nel massimo riserbo la caserma del comando provinciale dei carabinieri di Siracusa per essere condotto nel carcere di contrada Cavadonna dove verrà rinchiuso in isolamento.

di staff Style.it
<p>Cassibile, arrestato il presunto mostro</p>
PHOTO LAPRESSE

È stato arrestato un pensionato incensurato di 69 anni con l'accusa di essere il presunto «mostro di Cassibile», il serial killer al quale vengono addebitati una decina tra omicidi e tentati omicidi compiuti dal 1996 al 2009 nella piccola frazione a una ventina di chilometri da Siracusa. Si chiama Giuseppe Raeli e ha già lasciato sotto scorta e nel massimo riserbo la caserma del comando provinciale dei carabinieri di Siracusa per essere condotto nel carcere di contrada Cavadonna dove verrà rinchiuso in isolamento.

Le accuse a suo carico sono di omicidio, tentato omicidio, porto e detenzione di arma in relazione ai diversi episodi che gli vengono contestati. Gli investigatori attendono adesso di valutare quel che emergerà dalle perquisizioni in corso sia nella sua abitazione che in alcuni fondi nella sua disponibilità per verificare se possono essere ricondotti o meno al pensionato anche altri episodi sui quali le indagini sono ancora aperte.

Il blitz che ha portato all'arresto del presunto serial killer e stato condotto con il supporto di una trentina di carabinieri.

Quanto agli episodi che vengono contestati al pensionato sembra, sempre secondo le primissime indiscrezioni, che possano fare riferimento a un arco temporale più ristretto rispetto a quello compreso tra il 1996 ed il 2009 sul quale gli investigatori hanno indagato per le diverse vicende che a vario titolo sono state ricondotte alle azioni del cosiddetto "mostro di Cassibile".


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).