DAL MONDO12:53 - 09 novembre 2010

Nuova Zelanda, la musica di Mozart per sconfiggere il crimine

Nel centro di Christchurch, la scelta fatta dalla polizia locale ha avuto successo enorme: l'introduzione di altoparlanti che la suonano nella City Mall, l'area pedonale centrale, dal giugno 2008 a oggi, ha ridotto i piccoli reati. Prima se ne registravano 77 a settimana, ora appena due

di Angelo Sarasi
<p>Nuova Zelanda, la musica di Mozart per sconfiggere il
crimine</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Le note di Mozart «sparate» a tutto volume nel centro di Christchurch, la seconda città più grande della Nuova Zelanda, per sconfiggere la criminalità. La scelta fatta dalla polizia locale ha avuto successo enorme: l''introduzione di altoparlanti che la suonano nella City Mall, l'area pedonale centrale, dal giugno 2008 a oggi, ha ridotto drasticamente i piccoli reati e il comportamento antisociale riportati dai vigili. Prima se ne registravano 77 a settimana, ora appena due. Anche il numero di incidenti legati a droga e alcool è crollato sensibilmente da 16 a settimana nel 2008 a zero quest'anno, mentre il numero di volte in cui i vigili hanno aiutato i negozianti a evitare attacchi portati da clienti minacciosi è sceso da 35 a zero.

«È noto che la musica classica produca un effetto calmante e riduca il comportamento antisociale», ha dichiarato al New Zealand Herald il direttore dell'associazione commercianti del centro città, Paul Lonsdale, «prima pensavamo a musica strumentale tipo easy listening, ma poi abbiamo optato per quella classica. La gente si siede e si trattiene in quell'area perché si sente più al sicuro, si è creato un ambiente che promuove il buon comportamento».

E sembrano tutti contenti: poliziotti, esercenti, commercianti, cittadini, ladri e balordi di città.

VAI ALLA PAGINA DELLE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).