DALL'ITALIA13:00 - 09 novembre 2010

Science for Peace, Umberto Veronesi: meno armi, più asili

«Non esistono guerre giuste, né alibi per farle: la guerra è contraria al nostro Dna». Lo sostiene Umberto Veronesi, fondatore di Science for peace, che organizza a Milano una conferenza mondiale

di Isabella Mazzitelli
<p>Science for Peace, Umberto Veronesi: meno armi, più asili</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Il professor Umberto Veronesi usa parole e concetti semplici, essenziali: poche gocce intense distillate da un pensiero complesso, filosofico, scientifico, etico, reso comprensibile a chiunque. Dice Veronesi: «La guerra è contraria al nostro Dna, che ci obbliga a conservare noi stessi e la specie. L'uomo primitivo è stato spinto a esercitare l'aggressività per sfuggire alle carestie, ma parliamo degli albori dell'umanità. Da lì in poi la guerra è stata una questione di potere, perché il potere si esercita spesso con la violenza. Ma qualunque guerra non è altro che una forma di assassinio collettivo e non dobbiamo stancarci di dirlo, di batterci per la pace. Io sono profondamente laico ma condivido quanto già l'enciclica Pacem in Terris di Giovanni XXIII diceva, ossia che non esistono guerre giuste e non esistono alibi per farle, e il Papa lo scriveva negli anni in cui il mondo si è trovato davvero a un passo dalla guerra nucleare. Oggi la scienza è un linguaggio universale, senza barriere politiche, etniche, religiose, quindi è lo strumento principale per promuovere la pace. Science for Peace non predica obiettivi irraggiungibili come il disarmo totale del mondo, ma lavora per spostare porzioni anche piccole di fondi dagli investimenti militari ad altri, come ricerca scientifica e sviluppo economico e sociale». Creare una cultura di pace anche attraverso soluzioni scientifiche: è questo il senso del movimento Science for Peace - al quale hanno aderito 21 premi Nobel, tra cui l'iraniana Shirin Ebadi, ospite quest'anno (vedi a pag. 196) - creato dalla Fondazione Veronesi nel 2009, che il 18 e 19 novembre, con l'Università Bocconi, organizza a Milano la sua seconda conferenza mondiale. Partecipano scienziati, medici, studiosi ed esperti di economia, politica, relazioni internazionali, personalità religiose. Ma la partecipazione è gratuita e aperta a chiunque: basta iscriversi online sul sito www. fondazioneveronesi.it, e allo stesso indirizzo prenotare un posto per il concerto speciale gratuito che due artiste come l'israeliana Noa e l'araba cristiano-palestinese Mira Awad dedicano alla pace, la sera del 19. «Attraverso l'informazione e la sensibilizzazione delle persone, soprattutto delle donne, che sono le nostre grandi alleate - le donne odiano la guerra, che porta via i mariti e i figli, e porta distruzione - si può far molto», dice Veronesi. «Per esempio, la gente spesso ignora quante risorse i governi destinano ad armamenti che restano per lo più inutilizzati».

Continua >>

Fonte[ Vanity Fair ]

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).