DALL'ITALIA08:46 - 07 novembre 2010

Zio Michele ritratta e fa trovare la corda dell'omicidio

Emergono nuovi dettagli dall'ultimo interrogatorio di Michele MIsseri. Ora l'uomo accusa direttamente dell'omicidio di Sarah, la figlia. La giovane avrebbe ucciso sua cugina con una cintura che Misserri ha fatto ritrovare nell'auto della moglie Concetta. E cambia ancora versione, ammettendo la violenza sessuale post mortem.

di staff Style.it
<p>Zio Michele ritratta e fa trovare la corda dell'omicidio</p>
PHOTO LAPRESSE

Gli inquirenti dicono di essere vicini alla quadratura del cerchio, ma intanto dall'ultimo interrogatorio di Michele Misseri, con le sue nuove verità emergono anche parecchie contraddizioni. Chi ha ucciso Sarah? È stata mia figlia Sabrina. Così avrebbe risposto zio Michele ritrattando la sua confessione di omicidio e imprimendo forse una nuova svolta nel giallo di Avetrana, sulla morte della nipote, la quindicenne Sarah Scazzi.

Misseri collabora e fa ritrovare l'arma del delitto. Sabrina avrebbe strangolato la cugina con una cintura che per tutto questo tempo è rimasta nascosta nell'Opel Astra usata dalla moglie di Michele Misseri, Cosima.


Inoltre Misseri ora ammetterebbe la violenza sessuale sul cadavere di Sarah, martoriato prima di immergerlo nel pozzo dove lo aveva sepolto.

La violenza non era stata accertata dagli esami della scientifica anche perché il corpo della giovane era stato sepolto in acqua per 40 giorni ed era ormai difficile (i Ris sono ancora al lavoro) stabilire l'accaduto, viste le precarie condizioni del cadavere.

VAI ALLO SPEACIALE SUL DELITTO DI AVETRANA

L'interrogatorio nel carcere di Taranto è durato cinque ore. Restano i dubbi sul luogo del delitto, che potrebbe non essere il garage dove, secondo una prima ricostruzione, Sabrina avrebbe attirato Sarah per darle una lezione con la complicità del padre che poi in un raptus avrebbe strangolato la nipote, mentre la figlia le impediva di divincolarsi. Infatti, nessuna traccia biologica di Sarah Scazzi è stata trovata nel garage della famiglia Misseri.

I legali di Sabrina, che è detenuta per sequestro di persona e concorso in omicidio, chiedono che padre e figlia vengano messi a confronto, per ricostruire la vicenda di quel pomeriggio del 26 agosto, quando Sarah scomparve.

LEGGI LE DICHIARAZIONI DI VALENTINA, SORELLA DI SABRINA

LEGGI LA PERIZIA SUI DIARI DI SARAH

LEGGI LE ALTRE NEWS

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
angioma 70 mesi fa

io punirei tutta la famiglia , poiche' sicuramente tutti li dentro sanno , ma nessuno dice la verita' . ognuno pensa di coprire l altro . ma ........è un unica famiglia.......

jupiter 70 mesi fa

CHE SCHIFO QUESTO UOMO!!!!!!!! SI STà PRENDENDO GIOCO DELLA MORTE DI UNA POVERA RAGAZZA! E SOPRATUTTO DELLA GIUSTIZIA ITALIANA? CHE ANCORA LO STà A SENTIRE........IO PUNIREI ENTRAMBI POICHè ALDILà DI COME SNO ANDATI I FATTI, MISSERI E LA FIGLIA SNO COMPLICI DI QUESTO ORRENDO DELITTO!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).