DAI PALAZZI10:53 - 10 dicembre 2010

Caos a Londra, studenti attaccano Carlo e Camilla

 

 

 

L'auto dei reali è stata circondata e presa a calci e i manifestanti hanno anche infranto il vetro di un finestrino e imbrattato di vernice la carrozzeria della vettura

di staff Style.it
<p>Caos a Londra, studenti attaccano Carlo e Camilla</p>

<p>&nbsp;</p>

<p>&nbsp;</p>

<p>&nbsp;</p>
PHOTO AP/LAPRESSE

Un bollettino di guerra: dodici poliziotti e 43 manifestanti feriti. Questo, secondo Scotland Yard, è il bilancio degli incidenti di giovedì 9 dicembre della manifestazione degli  studenti in piazza a Londra contro il provvedimento approvato dalla Camera dei Comuni, che aumenta fino a 9.000 sterline all'anno le rette delle università inglesi. In tarda serata, i manifestanti hanno fatto irruzione al ministero del Tesoro e un gruppo di studenti ha attaccato l'auto con a bordo il principe Carlo e la moglie Camilla. Secondo Sky l'auto dei reali è stata circondata e presa a calci e i manifestanti avrebbero anche infranto il vetro di un finestrino e imbrattato di vernice la carrozzeria della vettura. La coppia reale è «illesa», ha detto un portavoce.

Tafferugli e lanci di vetri e altri oggetti contro le forze dell'ordine che hanno effettuato alcuni arresti.«È a causa del livello di violenza che devono fronteggiare i nostri agenti», ha detto un portavoce della polizia. Alcuni studenti hanno scalato la statua di

Winston Churchill e la stanno coprendo di graffiti. Fuori dalla Camera dei Comuni, molti studenti hanno fischiato e urlato «vergogna» appena avuta la notizia del voto in parlamento.

In precedenza piccoli gruppi di manifestanti avevano lanciato petardi, palle da biliardo e barattoli di vernice contro i poliziotti, alcuni dei quali a cavallo.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).