DAI PALAZZI16:07 - 10 dicembre 2010

«Lavoriamo per portare Yara a casa viva»

Le ricerche di Yara ripartono dalla speranza. Durante una conferenza stampa il procuratore aggiunto di Bergamo Massimo Meroni ha spiegato che «non ci sono elementi che evidenzino altro».

di staff Style.it
<p>«Lavoriamo per portare Yara a casa viva»</p>
PHOTO LAPRESSE

«Tutti lavorano per restituire questa bambina viva alla famiglia». Le ricerche di Yara ripartono dalla speranza. Durante una conferenza stampa il procuratore aggiunto di Bergamo Massimo Meroni ha spiegato che «non ci sono elementi che evidenzino altro». Meroni, che aveva accanto a sè il questore Vincenzo Ricciardi e il comandante dei carabinieri Roberto Tortorella, ha fatto il punto sulle indagini sulla scomparsa di Yara e ha più volte spiegato che «non è esclusa nessuna ipotesi» e «non vi sono elementi significativi per fare prevalere un'ipotesi su un'altra».

«Valutiamo ogni segnalazione», hanno aggiunto gli inquirenti, «tutte le indagini fin qui svolte non hanno portato a risultati concreti».


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).