DAL MONDO13:05 - 14 dicembre 2010

Frustata un anno fa in Sudan: un video su Youtube fa aprire un'inchiesta

Punita per come era vestita. Ma l'interpretazione della legge in vigore dal '91 non sembra univoca

di Simona Marchetti
<p>Frustata un anno fa in Sudan: un video su Youtube fa aprire
un'inchiesta</p>

E' servito il tam-tam mediatico scatenatosi dopo la pubblicazione su Youtube del video che mostra una ragazza sudanese mentre viene frustata in piazza da un agente di polizia. Le autorità giudiziarie di Kharthoum hanno, infatti, deciso di aprire un'inchiesta per accertare l'accaduto, perché  «l'esecuzione di quella pena è contraria alle leggi in vigore» (fonte al-Arabiya).

Girato probabilmente di nascosto nel luglio del 2009 e postato su Youtube lo scorso 10 dicembre, in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti Umani, il filmato mostra una sedicenne sudanese mentre viene colpita da un poliziotto con 50 frustate per aver indossato degli abiti considerati indecenti: una minigonna, secondo chi ha postato il video; pantaloni, stando ad alcuni siti arabi.

Ma non sono tutti d'accordo.  Il governatore della regione di Khartoum, molto vicino al presidente golpista al-Bashir, ha spiegato che non ci sarebbe stata alcuna violazione della legge. «La donna che appare nel video diffuso sul web è stata punita in base alla legge e non permetterò a nessuno di usare questo caso per sfruttare la magistratura a fini politici» (fonte al-Nil al-Azraq).

Alcuni articoli del codice penale sudanese, entrato in vigore nel 1991, stabiliscono il ricorso alle punizioni fisiche per chi commette reati contro la morale, come l'adulterio e la prostituzione, ma non è ancora chiaro quale sia effettivamente stata la colpa attribuita  alla sedicenne.

La storia ricorda quella di Lobna Ahmed Al Hoseini, giornalista finita sotto processo in Sudan nel 2009 per aver indossato dei pantaloni. All'epoca, grazie alla campagna internazionale che si era scatenata, la donna se la cavò con un'ammenda di 200 dollari, evitando la punizione corporale.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).