DAL MONDO13:30 - 16 dicembre 2010

Niente abiti sexy nella City

Un dettagliato prontuario indica cosa possono indossare, e cosa no, gli impiegati della UBS

di Simona Marchetti
<p>Niente abiti sexy nella City</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Niente abiti sexy nella City. Nessuna parafrasi della celebre serie, diventata film, bensì il nuovo regolamento imposto agli impiegati della UBS, una delle banche d'investimento più famose al mondo.

Le nuove regole sono contenute in un dettagliatissimo prontuario di 43 pagine, dove viene indicato cosa indossare e cosa no: una mossa per cercare di dare un rinfrescata all'immagine dell'azienda, travolta dalla recente crisi economica.

E le indicazioni per uomini e donne sono davvero precise: i primi dovranno scegliere cravatte con disegni che di armonizzino con la struttura ossea del viso e abiti a due bottoni ed evitare calzini con personaggi dei cartoni animati, mentre viene raccomandata la visita dal barbiere almeno una volta ogni quattro settimane. Le donne dovranno, invece, lasciare nell'armadio gonne troppo strette e fascianti e lingerie in pizzo nero e preferire l'intimo color carne, a maggior ragione sotto le camicette bianche. Non solo.

Aboliti anche i gioielli vistosi, gli occhiali con le montature bizzarre e le unghie colorate artificiali, mentre al minimo accenno di ricrescita dei capelli tinti, via di corsa dal parrucchiere. Altro divieto, ma in questo caso trasversale, riguarda tatuaggi e piercing, considerati "non graditi" perché non danno un'idea di professionalità, come pure i profumi troppo forti e pungenti che siano causati da una colonia sbagliata o dall'odore di tabacco, cipolla e aglio.

Già applicato in cinque uffici della Svizzera, il dress-code sarebbe stato accolto con favore da clientela e staff, almeno secondo quanto dice un portavoce della UBS. All'inizio dell'anno fece scalpore il caso di Debrahlee Lorenzana, l'impiegata della Citikank che citò in giudizio la banca, sostenendo di essere stata licenziata perché indossava abiti troppo sexy per andare in ufficio.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lilli 71 mesi fa

Molto bene per un ritorno al rispetto ed al rigore, virtù di cui la nostra decadente civiltà pur non ammettendo sente la mancanza. Un buon ritorno all'equilibrio e al dimenticato "buon senso" abortito a favore di una presunta libertà mai ottenuta! Facciamolo anche nelle scuole!

PinUp 72 mesi fa

hai proprio ragione Lilith! eppoi che cavolo vuol dire "cravatte con disegni che di armonizzino con la struttura ossea"??? del tipo se hai la faccia quadrata puoi metterti la cravatta con in quadratini??? hihihi

lilithcarla 72 mesi fa

Secondo me dovrebbero rivedere la loro politica.Evitare di ammazzare le persone con le loro bombe e soprattutto le banche dovrebbero mettersi una mano sulla coscenza invece di ridurre le persone al lastrico ..altro che abbigliamento ma come sempre conta l'apparenza per velare e nascondere il sangue e la sporcizia intellettuale

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).