DALL'ITALIA09:51 - 21 ottobre 2010

Ancora scontri a Terzigno, bruciata un auto della polizia

Lancio di sassi e molotov contro le forze dell'ordine che presidiano la discarica. A Boscoreale (Napoli) un gruppo di persone armate di bastoni ha distrutto le vetrine dei negozi del centro. Il capo della Polizia: useremo anche la forza

di staff VanityPeople
<p>Ancora scontri a Terzigno, bruciata un auto della polizia</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

E' ancora caos a Terzigno. I manifestanti hanno lanciato sassi contro le forze dell'ordine che presidiano la discarica Sari, in cui i camion devono sversare i rifiuti.

Una Fiat Punto, senza persone a bordo, appartenente alle forze dell'ordine, è stata data alle fiamme.

A Boscoreale un gruppo di persone armate di bastoni ha effettuato un vero e proprio blitz, distruggendo le vetrine di diversi negozi del centro storico. La notizia del raid ha gettato nel panico molti genitori che sono andati a scuola a prendere i loro figli prima della fine dell'orario scolastico.

In mattinata, nella discarica Sari, sono stati comunque 31 i camion che hanno sversato i rifiuti. Gran parte degli incroci che portano alla discarica, precedentemente bloccati da barricate create dai dimostranti, sono adesso percorribil.

La pesantezza del clima è confermata dalle parole del capo della Polizia Antonio Manganelli:«Siccome a Terzigno si deve sversare, faremo in modo che questo sia possibile anche se dovesse costare l'uso della forza - ha detto - Accolgo anche il rammarico dei miei uomini che tutte le sere fanno battaglia e non sono certe nemici di chi manifesta».

Secondo la polizia, nei diversi scontri che si sono verificati nella notte alcune centinaia di manifestanti hanno lanciato pietre e petardi contro le forze dell'ordine che hanno risposto con cariche e lacrimogeni.

Poco dopo, è partita un'altra sassaiola con i manifestanti che hanno lanciato bottiglie di vetro e quattro bombe carta. La polizia li ha dispersi e due manifestanti sono stati fermati per essere identificati e subito dopo rilasciati.

L'ultimo episodio di forte tensione è avvenuto alle 3 quando una macchina della polizia è stata prima ribaltata e poi incendiata.

All'alba però 31 autocompattatori (vedi foto), ovvero camion per il trasporto dei rifiuti, sono riusciti a entrare nella discarica per sversare i rifiuti.
Il mese scorso, un migliaio di persone si sono scontrate con la polizia per protestare contro l'apertura di una nuova discarica nell'area vesuviana, dove un anno fa è stato aperto un primo sito di smaltimento dei rifiuti.

VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).