DALL'ITALIA16:53 - 23 ottobre 2010

Avetrana, il sindaco: «Basta turismo dell'orrore»

Stop al turismo dell'orrore. Il sindaco di Avetrana, Mario de Marco, ha deciso per la giornata di domani, domenica, la chiusura di alcune strade di accesso alle abitazioni delle famiglie Scazzi e Misseri. Si teme anche un afflusso di turisti per la zona di campagna nella quale si trova il pozzo in cui è stato trovato il cadavere di Sarah Scazzi (nella foto).

di staff Style.it
<p>Avetrana, il sindaco: «Basta turismo dell'orrore»</p>
PHOTO AP/LAPRESSE

- LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SUL GIALLO DI AVETRANA

Basta con il turismo dell'orrore. Il sindaco di Avetrana, Mario de Marco, ha deciso per la giornata di domani, domenica, la chiusura di alcune strade di accesso alle abitazioni delle famiglie Scazzi e Misseri. La decisione è arrivata dopo la notizia del previsto arrivo di pullman dalla Calabria e dalla Basilicata. Si teme anche un afflusso di turisti per la zona di campagna nella quale si trova il pozzo in cui per 42 giorni è rimasto nascosto il cadavere di Sarah Scazzi (nella foto).

Intanto emergono nuovi particolari dell'inchiesta. La cugina della ragazza uccisa, Sabrina Misseri, indagata per concorso nel suo omicidio, al momento dell'arresto avrebbe detto: «Tanto lo sapevo», poi sarebbe caduta in un sonno pesante, appena salita nell'auto che da Manduria l'ha portata nel carcere di Taranto. 

Nel caos di telecamere e attenzione mediatica è scoppiata poi anche una polemica tra legali. L'Ordine degli avvocati di Taranto ha convocato i tre legali che difendono, con ruoli distinti, i due indagati per l'omicidio della quindicenne di Avetrana, Michele Misseri e sua figlia Sabrina. Il motivo: le dichiarazioni pubbliche e alcune accuse tra loro.

- VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Turistipercasa 72 mesi fa

Che le singole persone decidano di andare a vedere questi luoghi è difficile impedirlo, ma credo che si potrebbe avvisare l'opinione pubblica di quali operatori (in questo caso ditte di trasporto collettivo che hanno organizzato i bus poi fermati dal sindaco) vogliano far soldi con questo tipo di turismo. Se non altro perchè chi invece è indignato per l'accaduto possa in futuro evitare di servirsi da queste persone. Anche perchè oggi è sempre più importante quella che si chiama "responsabilità sociale d'impresa"... Nel mio blog (http://www.turistipercasa.wordpress.com) sto provando a creare una "black list" con i nomi di queste ditte. Qualcuno le conosce oppure ha sentito i nomi da giornali e tv?

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).