DAI PALAZZI17:45 - 02 giugno 2010

Pedofilia, indagato il capo dei vescovi tedeschi

Il presidente della Conferenza episcopale tedesca Robert Zollitsch è indagato per complicità in casi di abusi sessuali su minori

di staff Style.it
<p>Pedofilia, indagato il capo dei vescovi tedeschi</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Un nuovo scandalo fa tremare la Chiesa: il presidente della Conferenza episcopale tedesca Robert Zollitsch è indagato per complicità in casi di abusi sessuali su minori. Lo riferisce la procura di Friburgo confermando quanto già anticipato da alcuni media tedeschi.

La decisione di procedere con una indagine preliminare segue la denuncia presentata da una presunta vittima che negli anni Sessanta sarebbe stata oggetto di violenze sessuali da parte di un sacerdote nel monastero di Birnau dell'arcivescovato di Friburgo (Baden-Wuerttemberg). Secondo l'accusa, ha spiegato il procuratore di Friburgo Wolfgang Maier, l'arcidiocesi di Friburgo era a conoscenza di queste violenze e nonostante questo nel 1987 Zoellitsch, che all'epoca era responsabile del personale dell'arcidiocesi, confermò il posto del sacerdote nella comunità di Birnau, sul Lago di Costanza.

L'arcidiocesi di Friburgo ha seccamente smentito le accuse: «Sono destituite da qualsiasi fondamento» ha scritto in una nota. Non appena venne a sapere delle accuse contro il sacerdote, Zollitsch, secondo la ricostruzione dell'arcidiocesi «avvertì subito l'ordine» di appartenenza chiedendo di trarne «le necessarie conseguenze». I

La notizia segue le recenti dimissioni di monsignor Walter Mixa, fino al mese scorso vescovo di Augusta, dopo l'avvio da parte della Procura bavarese di Ingolstadt di un'indagine per presunti abusi sessuali. L'indagine era stata poi sospesa per mancanza di prove.

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).