DALL'ITALIA09:17 - 04 giugno 2010

Depressione post partum: «Servono cure appropriate»

Servono cure approfondite per le donne colpite da depressione post partum

di Greta Privitera
<p>Depressione post partum: «Servono cure appropriate»</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Le donne colpite da depressione post partum devono essere curate adeguatamente. È quanto propongono al ministero della Salute Giorgio Vittori, presidente della Sigo (Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia) e Antonio Picano, presidente dell'Associazione Strade onlus. « È necessario applicare la procedura del Tso (Trattamento Sanitario Obbligatorio) extraospedaliero per le donne a rischio di infanticidio, come il recente caso nella provincia di Rieti».

Un'equipe specializzata potrebbe occuparsi 24 ore su 24 delle donne con comportamenti potenzialmente omicidi, tutelando sia la madre che il figlio.

La depressione post partum colpisce circa il 10% delle donne, da 50.000 a 75.000 neomamme l'anno nel nostro Paese, con un costo sociale valutato in circa 500 milioni di euro in 12 mesi. I casi che richiederebbero un provvedimento di Tso extraospedaliero possono essere valutati, secondo Strade onlus, in circa 1.000 interventi all'anno.

>LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Elisa Roncari 75 mesi fa

ma quale trattamento sanitario obbligatorio!!! il problema è che le donne dopo il parto vengono mandate a casa in tre giorni e da lì in poi sono sole!!!! Anch'io ho avuto un parto estremamente traumatico e per un mese non sono stata in grado di occuparmi del mio bambino e se ce l'ho fatta senza perdere la testa è stato solo perchè ho un marito meraviglioso e delle persone accanto che mi hanno aiutato e che si rendevano conto che quello che mi stava accadendo non era fisiologico...ma quante donne non possono dire altrettanto? E' su questo che bisogna riflettere.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).