DALL'ITALIA14:08 - 08 giugno 2010

Milano, figlia della prof vende compiti di matematica

La figlia della professoressa dava le soluzioni dei compiti agli studenti della madre

di Greta Privitera
<p>Milano, figlia della prof vende compiti di matematica</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

I prezzi andavano da uno a tre euro e le soluzioni per i difficilissimi compiti di  matematica erano serviti. A passarle era la figlia della professoressa completamente ignara del raggiro.

La ragazza rovistava tra le carte o nel computer della madre e copiava le domande che all'indomani sarebbero state proposte nei compiti in classe al lice classico Parini di Milano. Ci sono volute due diverse prove per far capire alla docente che qualcosa non funzionava. Tutti i compiti erano uguali e anche chi in matematica aveva sempre avuto problemi riusciva a prendere voti altissimi.

«Ci hanno passato le soluzioni via Internet», hanno risposto i ragazzi alla professoressa . A capire, poi, che era stata la stessa figlia, ci è voluto qualche passo in più. La ragazza, che non studia nel liceo, avrebbe iniziato l'attività solo per amicizia nei confronti di alcune amiche.

L'incidente di percorso è costato una sospensione a tutti i ventidue studenti. Due giorni, alla fine dell'anno scolastico.

«Abbiamo fatto una cosa molto stupida», dice una ragazza fuori da scuola. «Le cifre pagate per i compiti erano simboliche, una cosa goliardica, e nel giro di chi copiava c'era anche chi non ne aveva bisogno, e lo faceva per gioco», aggiunge una compagna. L'unica persona che sembra percepire la gravità della vicenda è l'insegnante di matematica, stimata da studenti e colleghi, e con fama di essere severa ma giusta: «Questa vicenda mi ha dato grandi problemi ora dobbiamo impegnarci per finire serenamente l'anno scolastico».

SERVIREBBE UNA PUNIZIONE ESEMPLARE? CHE COSA NE PENSI?

LEGGI LE ALTRE LE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).