DAI PALAZZI10:36 - 01 giugno 2010

Facebook, in pochi se ne vanno

Il Quit Facebook Day si è rivelato un fallimento

di Angelo Sarasi
<p>Facebook, in pochi se ne vanno</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Solo poco più di trenta mila utenti hanno fanno le valige virtuali. E' stata meno dolorosa del previsto la protesta organizzata in rete nella giornata di ieri contro il social network più cliccato del mondo, oltre 540 milioni di vistatori al mese, ovvero, secondo i dati forniti da Google, il 30% del popolo che va su internet ogni giorno in tutto il pianeta.

Il Quit Facebook Day si è dunque rivelato un fallimento. Dopo le critiche per la mancanza di privacy, sembrano dunque essere state convincenti le scuse del fondatore Mark Zuckerberg e le misure adottate per meglio tutelari chi utilizza il social network, quali ad esempio la possibilità per ogni utente di ridurre sensibilmente il numero di informazioni personali che possono essere estese a tutti gli utenti anzihè a un numero limitato di essi. I critici più severi continuano a chiedere al managment di facebook di rendere private tutte le informazioni personali per poi lasciare a ciuscuno dei suoi iscritti la decisione in merito a quali e quante mettere a disposizione dei milioni di internauti.


HAI MAI PENSATO DI LASCIARE FACEBOOK? COMMENTA

IL SOCIAL NETWORK DEI NUDISTI

LEGGI LE ALTRE NEWS

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).