DAL MONDO15:14 - 16 giugno 2010

Barcellona apre un'inchiesta su un ospedale per curare i gay

Occhi puntati su Policlinica Tibidabo che offrirebbe trattamenti agli omosessuali

di Angelo Sarasi
<p>Barcellona apre un'inchiesta su un ospedale per curare i gay</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

La Spagna e Barcellona passano per essere rispettivamente una nazione e una città gay friendly. Ma ci sono evidentemente eccezioni se il ministero della Sanità sta indagando su un ospedale di Barcellona, la Policlinica Tibidabo, che secondo le associazioni gay e lesbiche ispaniche offrirebbe trattamenti, a base di pillole e di supporto psicologico, per aiutare i «pazienti» a guarire da questa «malattia». «Abbiamo aperto un'inchiesta per fare chiarezza», ha spiegato un portavoce del governo regionale ai media. «Noi non consideriamo di certo l'omosessualità un male da curare».
E' stata la CGL, associazione che riunisce le coppie gay della città, a sollecitare questo intervento dopo la denuncia di alcuni suoi soci.
L'esistenza di una clinica che attua queste pratiche stride con la politica del governo socialista che ha legalizzato nel 2005 i matrimoni tra persone dello stesso sesso, terzo paese europeo dopo Belgio e Olanda. Ai tempi di Franco, invece, i gay finivano in campi di correzione simili a lager.

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).