DALL'ITALIA16:25 - 16 giugno 2010

Mandava l'autista a comprare cocaina: accusato politico Udc

Il deputato regionale siciliano Salvatore Cintola coinvolto nell'inchiesta che ha portato all'arresto 29 persone

di staff Style.it
<p>Mandava l'autista a comprare cocaina: accusato politico Udc</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Dal consiglio regionale della Sicilia dava disposizioni alla segretaria per acquistare la cocaina. E l'autista in auto blu consegnava i soldi. C'è anche il deputato regionale Salvatore Cintola, dell'Udc, fra i clienti della rete di spacciatori della Palermo bene bloccata questa notte da un blitz dalla sezione Narcotici della squadra mobile, che ha arrestato ventinove persone.

Per il deputato Cintola è scattata una segnalazione alla prefettura come persona che assume stupefacenti, e anche una denuncia a piede libero per peculato, ma l'accusa di peculato è stata poi archiviata anche sulla base di una recente sentenza della Cassazione, secondo cui il reato non è configurabile se l'auto blu è utilizzata «non esclusivamente per scopi istituzionali». L'ex segretaria del deputato regionale, Sabrina Di Blasi, 34 anni, è stata invece arrestata per spaccio.

Gli investigatori hanno intercettato le telefonate tra il pusher - tale Giorgio Napolitano - e la segretaria di Cintola, che discutono dell'acquisto di cocaina destinata al politico. Nel 2004, dopo un blitz nella segreteria del consigliere regionale, i poliziotti avevano sequestrato dieci grammi di polvere bianca.

Secondo i poliziotti della Mobile, la cocaina arrivava a Palermo dalla Spagna, attraverso alcuni intermediari che operavano in Calabria e Campania. L'hashish, invece, arrivava dal Marocco. Una rete di spacciatori insospettabili si occupava poi di distribuire la droga nei salotti bene di Palermo. Sull'organizzazione pesa l'ombra delle cosche mafiose di Brancaccio, che avrebbero investito ingenti somme sul traffico di droga.

Il segretario nazionale dell'Udc Lorenzo Cesa ha ora sospeso dal partito Salvatore Cintola, proponendo ai Probi Viri l'espulsione immediata dal partito e chiedendo al capogruppo all'Assemblea regionale siciliana, Rudy Maira, di procedere all'espulsione immediata anche dal gruppo. Cintola, da parte sua, respinge al mittente tutte le accuse: «Odio la droga e non ne ho mai fatto uso.

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).