DAL MONDO13:21 - 17 giugno 2010

Gaza, Israele allenta il blocco

La decisione del governo dopo il pressing internazionale

di Lavinia Farnese
<p>Gaza, Israele allenta il blocco</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Dopo l'incursione contro la flotta umanitaria che il 31 maggio ha fatto nove civili morti, il gabinetto di sicurezza del governo israeliano, esortato da un pressing internazionale a ridurre l'embargo, ha allentato il blocco su Gaza.

Nella città e nella «striscia» di territorio ad amministrazione palestinese vicino, oltre un milione e mezzo di persone vive dipendendo dagli aiuti stranieri. Sarà consentito d'ora in avanti il passaggio di una lista maggiore di «beni ad uso civile» e di «materiali per progetti civili», a eccezione di una «lista nera» di circa 120 prodotti vietati, utilizzabili a «fini militari». Ad annunciarlo è stato il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu.

Le autorità di Tel Aviv avevano imposto le restrizioni al territorio palestinese nel giugno 2006, quando un commando di Hamas (che controlla la zona) catturò il militare israeliano Gilad Shalit.

Nel giugno 2007, poi, quando il movimento radicale palestinese ha assunto con la forza il controllo di Gaza, il blocco è stato rafforzato. Tra il dicembre 2008 e il gennaio 2009 c'è stata poi la dura reazione d'Israele ai kassam lanciati da Gaza con l'operazione «Piombo fuso» nella Striscia che ha provocato circa mille morti.

Oggi, con questa apertura, il governo israeliano «si aspetta che la comunità internazionale agisca per l'immediata liberazione del soldato Ghilad Shalit». Di contro, a blocco marittimo ancora attivo, la comunità internazionale si aspetta il via libera di Tel Aviv ad alcuni progetti dell'Onu per la costruzione di scuole e altri edifici per i rifugiati palestinesi.




Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).