DAL MONDO15:21 - 18 giugno 2010

Meno divorzi se il marito passa l'aspirapolvere

Se il marito aiut ain casa l'amore dura di più

di Greta Privitera
<p>Meno divorzi se il marito passa l'aspirapolvere</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Se lui aiuta nelle faccende domestiche il matrimonio dura. Il consiglio arriva da un'indagine condotta da Wendy Sigle-Rushton, una ricercatrice del «Department of Social Policy» della London School of Economics.

Lo studio ha analizzato i comportamenti di oltre 12 mila famiglie inglesi con figli e le ha catalogate in base ad alcune variabili tra le quali il fatto che la moglie svolga un lavoro remunerato all'esterno della famiglia e che il marito dia il proprio contributo ai lavori domestici. L'indagine ha studiato i comportamenti delle famiglie per oltre dieci anni. I risultati? Se il matrimonio va a rotoli, la colpa è spesso del marito che non aiuta.

Il lavoro e i numeri della ricerca inglese trovano conferma anche nell'esperienza quotidiana dei nostri tribunali. Il tradimento non sembra essere più la prevalente causa delle separazioni. Il matrimonio finisce senza che accada un fatto eclatante, ma semplicemente perché la vita assieme è troppo difficile e complicata.

Se la moglie lavora, non sopporta di non essere aiutata a casa proprio in quelle attività tradizionalmente considerate femminili. Nei ricorsi per separazione presentati dalle signore sono frequenti i racconti di mariti che la sera, invece di riordinare la cucina e mettere a letto i figli, escono con gli amici o vanno in plaestra.

Questi i quattro compiti considerati rilevanti: 1) la collaborazione alla pulizia della casa o alla spesa; 2) l'aiuto nella cura dei figli mentre la madre è impegnata; 3) la cura dei figli la sera; 4) il mettere i figli a letto la sera.

CHE COSA NE PENSI? COMMENTA

LEGGI LE ALTRE NEWS

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).