DALL'ITALIA10:31 - 20 giugno 2010

Corruzione, indagati il Cardinale Sepe e l'ex ministro Lunardi

Gli avvisi di garanzia dall'inchiesta di Perugia

di staff Style.it
<p>Corruzione, indagati il Cardinale Sepe e l'ex ministro
Lunardi</p>

«»
L'arcivescovo di Napoli, il Cardinale Crescenzio Sepe, e l'ex ministro delle Infrastrutture, Pietro Lunardi, sono indagati della procura di Perugia nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti per i cosiddetti Grandi eventi.

L'indagine si concentra attorno alle figure del costruttore Diego Anemone, di Angelo Balducci, già nobiluomo di Sua Santità e presidente del Consiglio superiore dei Lavori Pubblici e agli esponenti della cosiddetta «cricca».

In particolare le accuse a Sepe riguardano la vendita di alcuni palazzi e la ristrutturazione, sembra anche di edifici sacri, di Propaganda Fide (della quale Balducci è stato per un periodo consultore): tutte operazioni svolte da aziende di Anemone. Il sospetto è che il cardinale, che all'epoca dei fatti  era a capo di Propaganda Fide (il dicastero più ricco della Santa Sede, attraverso cui passa il denaro per le missioni in tutto il mondo) abbia ricevuto in cambio favori.

Il nome dell'arcivescovo di Napoli Sepe compare anche in relazione alla casa di via Giulia a Roma dove ha abitato il capo della Protezione civile, Guido Bertolaso. L'appartamento, sostiene Bertolaso, gli venne messo a disposizione gratuitamente da Francesco Silvano, un collaboratore di Propaganda Fide. Sarebbe stato proprio Sepe a indirizzare Bertolaso dal professor Silvano. L'affitto in realtà sarebbe stato pagato in realtà dall'architetto Angelo Zampolini, accusato nell'inchiesta perugina di avere riciclato denaro di provenienza illecita che gli investigatori sospettano provenire da Anemone.

A Lunardi l'accusa di corruzione è stata invece contestata per la vendita e la ristrutturazione di un palazzo in via dei Prefetti a Roma, che compare anche nella cosiddetta Lista Anemone, ovvero dei lavori e dei fabvori che avrebbe fatto.

LA «CRICCA», BERTOLASO E IL CASO ANEMONE SPIEGATI IN CINQUE MINUTI, di Giorgio Dell'Arti

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).