DALL'ITALIA16:30 - 21 giugno 2010

Rimborsi elettorali, Di Pietro indagato

Il leader dell'Italia dei Valori, è indagato a Roma per truffa in relazione a presunti illeciti legati ai rimborsi elettorali.

di Greta Privitera
<p>Rimborsi elettorali, Di Pietro indagato</p>
PHOTO - - - KIKA PRESS

Antonio Di Pietro, leader dell'Italia dei Valori, è indagato a Roma per truffa in relazione a presunti illeciti legati ai rimborsi elettorali assegnati al suo partito politico. Gli illeciti riguarderebbero i rimborsi relativi alle elezioni europee del 2004.

A denunciare l'ex pm di «Mani pulite» è stato Elio Veltri, ex membro dell'Idv. Secondo Veltri i rimborsi elettorali sarebbero stati incassati non dal movimento politico Italia dei Valori ma dall'associazione privata Italia dei Valori, costituita dallo stesso Di Pietro insieme con altre persone. Il tutto, per Veltri, attraverso una serie di false autocertificazioni.

Non è la prima volta che magistratura romana viene investita della questione relativa ai rimborsi elettorali destinati all'Idv. Nel marzo del 2008 fu archiviata un'analoga inchiesta che prese spunto dall'esposto presentato da Mario Di Domenico, ex esponente dell'Idv.

«È sempre la solita storia trita e ritrita su cui già, più volte, si sono espresse le varie procure della Repubblica, archiviando il caso. Per cui la Procura della Repubblica di Roma non poteva non procedere», risponde Di Pietro. «Porteremo, ancora una volta le carte per dimostrare che è tutto in regola, come peraltro hanno accertato ormai da tempo non solo plurime autorità giudiziarie, ma anche, da ultimo, l'Agenzia delle Entrate e gli organi di controllo amministrativi e contabili. Ci vuole pazienza, ci sono persone che non si rassegnano alla propria sconfitta politica e continuano a infangare gli altri».

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
elisa 75 mesi fa

ma la smetta di fare il casto divo

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).