DALL'ITALIA18:20 - 23 giugno 2010

Puglia, padre e figlia massacrati e uccisi

Puglia: padre e figlia massacrati di botte

di Sara Tieni
<p>Puglia, padre e figlia massacrati e uccisi</p>
PHOTO LAPRESSE

Due cittadini bulgari, padre e figlia, sono morti nelle campagne intorno San Ferdinando di Puglia, dopo essere stati massacrati di botte.

Le vittime sono Petrov Lybentasev di 40 anni e la figlia, Tedorka Lybenovataseva, di 18 anni. Quando i carabinieri sono arrivati nel casolare di campagna alla periferia di San Ferdinando di Puglia, in via Trinitapoli, hanno trovato il corpo della ragazza nel casolare abbandonato e quello del padre nel pozzo a pochi metri dalla casa.

A rinvenire per primo i due corpi era stato l'altro altro figlio, di 20 anni, rientrato in casa quando c'erano ancora gli aggressori.

Stando ai suoi racconti, è scampato alla stessa sorte dei suoi familiari solo perché è riuscito a scappare dal casolare durante il raid degli aggressori. A quanto riferiscono i medici dell'ospedale «Dimiccoli» di Barletta, dov'è ricoverato in stato di shock, il ragazzo ha riportato numerosi traumi per le percosse, guaribili comunque in una settimana.

Le vittime sono originarie dell'area dell'Ofantino, dove vive una folta comunità proveniente dall'Europa dell'est che si occupa perlopiù all'agricoltura o ad attività connesse.

Al momento non vi sono ipotesi privilegiate ma si vagliano tutte le ipotesi: da un'eventuale pista passionale al coinvolgimento in attività illecite, magari collegate a gruppi della criminalità locale o a regolamenti di conti interni alla comunità di appartenenza.

Intanto, sempre grazie alle testimonianze del sopravvissuto, è stato ricostruito un identikit di tre bulgari, anche loro di etnia rom, presunti responsabili dell'aggressione.

Ricerche dei tre sarebbero in corso in tutta la Puglia e in particolare nell'Ofantino, nella zona di Margherita di Savoia, città in cui sarebbero stati più volte avvistati.

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).