DAL MONDO16:50 - 23 giugno 2010

Sequestrate una tonnellata di «mozzarelle blu», 5 aziende nel mirino

I Nas al setaccio dei discount

di Lavinia Farnese
<p>Sequestrate una tonnellata di «mozzarelle blu», 5 aziende nel
mirino</p>
PHOTO LAPRESSE

Le chiamano già le «mozzarelle puffo». Quelle che, appena aperte, a contatto con l'ossigeno, a causa del batterio Pseudomonas, diventano blu. Dopo le 70 mila sequestrate in provincia di Torino, i Nas, passando al setaccio i discount di tutta Italia, hanno bloccato un'altra tonnellata di latticini contaminati.

Erano prodotte da cinque marche diverse
(Land, Malga Paradiso, Lovilio, Fattorie Torresina e Monteverdi), tutte provenienti da uno stabilimento tedesco. Erano destinate anche alla Francia, alla Russia e alla Bielorussia.

«Abbiamo subito allertato i meccanismi della Ue e adesso la situazione è sotto controllo», rassicura il ministro della Salute, Ferruccio Fazio. «Noi abbiamo una filiera di sicurezza degli alimenti straordinaria nel nostro Paese. In questo, siamo dei leader».

> Sequestrate 70 mila mozzarelle: appena aperte diventavano blu

LEGGI LE ALTRE NEWS

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).