DAL MONDO09:22 - 24 giugno 2010

Marea Nera, pescatore suicida per la «disperazione»

Un uomo si uccide disperato per la marea nera

di Greta Privitera
<p>Marea Nera, pescatore suicida per la «disperazione»</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Tragedia nella tragedia nel Golfo del Messico: un pescatore, assoldato dalla Bp (British Petroleum) per ripulire le acque, si è suicidato dalla disperazione. Si è tolto la vita proprio nel giorno in cui un incidente causato da un robot sottomarino ha indotto i tecnici al lavoro nel pozzo della Bp, a rimuovere il «coperchio» che cercava di contenere fuga di petrolio (iniziata il 20 aprile con l'incidente alla piattaforma Deepwater), facendo aumentare per diverse ore la fuoriuscita del greggio ( LEGGI LO SPECIALE SULLA MAREA NERA).

«Era disperato per la crisi», ha dichiarato il medico legale della contea di Baldwin in Alabama. L'uomo viveva a Foley, in Alabama, e si era recato al lavoro come tutte le mattine. Secondo fli inquirenti non era malato, né soffriva di problemi mentali. «Ma non è sorprendente che la marea nera avesse preso un posto importante nella sua testa, come succede a molti altri pescatori della zona che a causa della perita di greggio hanno perso il lavoro», ha aggiunto il medico legale.  «Le acque del Golfo sono chiuse alla pesca. Non c'è più lavoro per tanta gente come loro».

In questo scenario ha cominciato la sua prima giornata di lavoro il nuovo responsabile di Bp America, Bob Dudley. La Bp ha infatti optato per un cambio della guardia nel Golfo del Messico: dopo le figuracce rimediate dall'ex direttore esecutivo, Tony Hayward, la responsabilità delle operazioni in America e Asia è stata affidata a Robert «Bob» Dudley, 55 anni, cresciuto in Mississippi. Che fin dal primo giorno ha dovuto affrontare problemi non da poco.

LEGGI LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).