DALL'ITALIA10:35 - 30 giugno 2010

Terremoto Abruzzo, boom di psicofarmaci dopo il sisma

Dopo la tragedia che ha colpito l'Abruzzo nel 2009 c'è stato un aumento dell'uso di farmaci antipsicotici

di Greta Privitera
<p>Terremoto Abruzzo, boom di psicofarmaci dopo il sisma</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Dopo il terremoto che ha colpito L'Aquila il 6 aprile 2009 sono aumentate del 37% le prescrizioni di farmaci antidepressivi e del 129% quelle di antipsicotici.

È il quadro emerso dal bollettino della società italiana di farmacia ospedaliera, che ha riportato il confronto delle prescrizioni di psicofarmaci tra i due semestri prima del sisma e tra il semestre pre e post-terremoto.

Nel primo semestre post-terremoto c'e' stato un aumento del 30% delle prescrizioni di antipsicotici, mentre sono aumentati di circa il 9% gli antidepressivi. L'analisi del data base aquilano ha indicato un aumento delle prescrizioni soprattutto per la popolazione anziana e fra le donne. I disastri naturali, spiegano gli esperti, rappresentano condizioni di emergenza per il sistema sanitario nazionale e hanno conseguenze dirette sulla salute delle persone colpite. In particolare, si ha un aumento dei disturbi emotivi.

 

GUARDA LA GALLERY DELLA CITTA' PRIMA E DOPO IL TERREMOTO

VAI ALLA PAGINA DI NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).