DAL MONDO11:12 - 16 marzo 2011

Giappone: ancora scosse ed esplosioni nucleari

La situazione a Fukushima è ancora critica, Oettinger parla di «apocalisse»

di Flavia Parini
<p>Giappone: ancora scosse ed esplosioni nucleari</p>
PHOTO AP/LAPRESSE

Sono passati ormai cinque giorni dal devastante terremoto e dallo tsunami che hanno colpito il Giappone, ma la situazione rimane ancora altamente critica. Mentre si continua a scavare tra le macerie alla ricerca di qualche sopravvissuto, il bilancio dei morti e dei dispersi è arrivato, secondo le stime della polizia nipponica, a quota 12 mila persone. Ancora questa mattina nella periferia est di Tokyo è stata avvertita una forte scossa di assestamento (6 gradi della scala Richter).

Ciò che spaventa più di ogni altra cosa, però, sono i danni causati dal sisma alla centrale nucleare di Fukushima. Negli scorsi giorni ci sono state ben quattro esplosioni e due incendi che hanno provocato delle fughe radioattive allarmanti. I reattori sono tenuti continuamente sotto controllo da 50 operai della centrale e si susseguono i viaggi degli elicotteri che trasportano l'acqua marina con cui viene portato avanti il raffreddamento.

Nonostante questo oltre 200 mila residenti nella zona sono stati evacuati e migliaia di persone, anche a Tokyo, si danno alla fuga terrorizzati. La situazione è notevolmente peggiorata tra ieri e oggi, quando i livelli di radioattività si sono impennati. Questa mattina, inoltre, sembra che il contenitore del reattore 3 sia stato gravemente danneggiato e che gli elicotteri non riescano ad avvicinarsi alla centrale a causa delle radiazioni, i cui valori continuano ad alzarsi ed abbassarsi in modo altalenante.

Il governo giapponese continua a rassicurare la popolazione, dichiarando che il livello di radiziazioni è ancora al di sotto del limite di nocività, ma in tutto il mondo non si placa la paura di essere di fronte ad una nuova Chernobyl. Il rischio di un'esplosione nucleare di quel tipo, infatti, non è un'eventualità che può per ora essere esclusa. Ieri il commissario europeo per l'energia Gunther Oettinger, concluso il G8 di Parigi, ha usato la parola «apocalisse» per descrivere la situazione del Giappone.

L'imperatore Akihito ha parlato alla Nazione, dicendosi «profondamente preoccupato» per la situazione. «Non sappiamo nemmeno quante siano realmente le vittime di questa catastrofe - ha dichiarato il sovrano -. Prego perchè si salvino più persone possibili».

 

>>GUARDA LO SPECIALE SU VANITY FAIR.IT


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
becattini 66 mesi fa

Mi unisco nelle preghiere per questo grande e coraggioso popolo! Invito tutti a fermarci e riflettere su quanto sta accadendo, sui grandi sconvolgimenti che stiamo vivendo e a quali conseguenze dovremmo comunque prepararci prima o poi ad affrontare.

illari 66 mesi fa

prego insieme all'imperatore del giappone perchè si salvino più persone possibili

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).