DAL MONDO16:06 - 29 marzo 2011

Siria: il governo si è dimesso

Nuovo esecutivo entro 24 ore. Domani il presidente Assad annuncerà le riforme

di Flavia Parini
<p>Siria: il governo si è dimesso</p>
PHOTO AP/LAPRESSE

Il governo siriano si è dimesso e un nuovo esecutivo sarà formato entro 24 ore. La decisione del premier Mohammed Naji Al Otari, che era in carica dal 2003, è arrivata questo pomeriggio, dopo diversi giorni di scontri tra i dimostranti antigovernativi e le forze di sicurezza (si contano circa 150 morti).

Secondo quanto annunciato dalla televisione di Stato, il presidente Bashar Al Assad avrebbe accettato le dimissioni del governo e sarebbe pronto a spiegare quali saranno i compiti del nuovo esecutivo in un discorso al Parlamento e alla Nazione che, presumibilmente, terrà nella giornata di domani.

Tra le riforme annunciate negli scorsi giorni ci sono la revoca dello stato di emergenza in vigore dal 1963, la promulgazione di una legge sulla stampa e di una sui partiti. Quest'ultima normativa è da attuare in corrispondenza dell'emendamento dell'articolo 8 della Costituzione che assegna al Baath, al potere da 48 anni, il ruolo di partito unico siriano.

Intanto, per le strade di Damasco stanno sfilando migliaia di sostenitori del presidente Assad. I cortei sono ripresi senza sosta dalla televisione di Stato.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).