DALLA SOCIETA'15:06 - 12 aprile 2011

Reality sui precari della scuola: bufera su Mediaset

Canale 5 starebbe reclutando prof rimasti senza lavoro per un nuovo programma

di Flavia Parini
<p>Reality sui precari della scuola: bufera su Mediaset</p>
PHOTO LAPRESSE

«Sei un insegnante precario? Sei disoccupato? Vuoi rimetterti in gioco e fare qualcosa di diverso? Contattaci, puoi ottenere dieci anni di stipendio»: è questo l'annuncio che in questi giorni è comparso in sovrimpressione in alcuni programmi del mattino in onda sulle reti Mediaset.

Lo strano appello altro non è che lo spot per il nuovo reality show di Canale 5, intitolato «Non è mai troppo tardi». Il programma, che dovrebbe essere presentato da Alfonso Signorini e Federica Panicucci, propone al pubblico di vedere degli insegnanti che preparano una classe di vip ignoranti ad affrontare un quiz di cultura generale.

Gli alunni dello show saranno alcuni concorrenti dei vecchi reality Mediaset, scelti fra i meno colti, mentre si stanno appunto cercando dei docenti tra i precari della scuola. I professori selezionati per partecipare al programma riceveranno un compenso di 150 mila euro, che corrispondono a dieci anni di stipendio.

La notizia ha subito scatenato una reazione polemica da parte dei docenti precari, che proprio sabato 9 aprile sono scesi in diverse piazze italiane per manifestare contro i tagli alla scuola operati dal ministro Mariastella Gelmini.

«Prima il governo mette gli insegnanti in mezzo alla strada - ha dichiarato il fondatore del Forum precari scuola Brunello Arborio - e poi le televisioni della famiglia del premier sfruttano la loro disperazione con la solita lotteria della fortuna».

Anche il segretario della Flc Cgil Domenico Pantaleo ha giudicato «incomprensibile che mentre Tremonti e Gelmini licenziano i precari si realizzi un programma che spettacolarizza il loro dramma».

Da parte sua, il direttore di Canale 5 Massimo Donelli ha spiegato che l'obiettivo del programma è proprio «quello di valorizzare una professione che è troppo spesso sottovalutata».

E voi cosa ne pensate? Il nuovo reality show potrebbe essere un'occasione per valorizzare gli insegnanti oppure è poco rispettosa nei confronti di chi vive una situazione di precariato?


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
DaDaIsTa 65 mesi fa

da insegnate precaria posso solo dire che mi sento avvilita e profondamente offesa.un tempo la figura del docente era rispettata e riconosciuta.oggi siamo tutti ridotti a scimmie da circo.vergogna!!!!

Capito come Berlusconi intende "risolvere" il problema della crisi, della disoccupazione e del precariato che anche il suo governo ha contribuito ad aumentare? Non investendo su scuola, cultura e lavoro, ma incaricando la sua Mediaset di irretire i precari della scuola (disoccupati per colpa del governo) per fare ascolto e fare anche la figura del benefattore... e poi a chi toccherà? A giovani laureati senza lavoro? A pensionati che non arrivano a fine mese? A disabili rimasti senza accompagnamento? E soprattutto: chi di questi non dovesse riuscire a farsi accettare da questi nuovi programmi tv? "Cavoli loro", gli risponde Berlusconi, che non ha nessuna intenzione di risolvere questi problemi.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).