DALL'ITALIA13:23 - 14 aprile 2011

Arriva l'anticoncezionale femminile che dura tre anni

Si chiama Nexplanon ed è un microchip sottocutaneo da inserire nel braccio

di Flavia Parini
<p>Arriva l'anticoncezionale femminile che dura tre anni</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

A oltre 40 anni di distanza dall'invenzione della pillola anticoncezionale, ora in Italia arriva un nuovo contraccettivo che potrebbe rivoluzionare la vita delle donne.

Si tratta del Nexplanon, un microchip lungo 4 centimetri e largo 2 millimetri che il ginecologo inserisce sotto la cute, nella parte interna del braccio. Il dispositivo, che è stato presentato a Roma dalle ginecologhe Chiara Benedetto e Rossella Nappi, rilascia etonogestrel (lo stesso principio attivo della pillola) e ha la durata di tre anni.

«Il microchip viene inserito in tutta sicurezza dal ginecologo con una leggera anestesia locale - hanno spiegato le due dottoresse - e, se nel corso dei tre anni la donna cambia idea, può essere rimosso in qualsiasi momento».

Questa novità potrebbe rappresentare una grande rivoluzione per tutte le donne che vogliono prendere precauzioni per evitare una gravidanza indesiderata. Invece che continuare a doversi preoccupare di prendere la pillola ogni sera (con il rischio di incorrere in pericolose dimenticanze), si potrà smettere di pensarci per almeno tre anni interi.

La perplessità di molte donne è sul reale funzionamento del dispositivo: in Inghilterra, ad esempio, 600 donne hanno vinto una causa perchè, utilizzando un microchip simile al Nexplanon, sono comunque rimaste incinte.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
rosa 53 mesi fa

le iventano tutte magari fra dieci anni scoprono che fa male,,,, intanto lo mettono in gino domani si vedra. io onestamente non mi fiderei,,,,, pensateci bene.................................

calzo36 68 mesi fa

trp complicato il corpo della donna x un calcolo ormonale a lungo termine..ank'io ci andrei piano

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).