DAL MONDO10:30 - 15 aprile 2011

Ucciso volontario italiano a Gaza

Vittorio Arrigoni era stato rapito ieri mattina da un gruppo di estremisti salafiti

di Flavia Parini
<p>Ucciso volontario italiano a Gaza</p>
PHOTO KIKA PRESS

Vittorio Arrigoni è stato ucciso. Il volontario italiano rapito giovedì mattina a Gaza da un gruppo di estremisti salafiti è stato assassinato diverse ore prima dello scadere dell'ultimatum.

I sequestratori, che fanno parte della Brigata Mohammed Bin Moslama (probabilmente vicina ad Al Qaeda) avevano diffuso un video online in cui Arrigoni appariva bendato e col volto insanguinato, mentre scorreva in sovrimpressione una scritta in arabo in cui l'attivista veniva accusato di diffondere a Gaza i vizi dell'Occidente. Accusata anche l'Italia per la sua decisione di combattere contro i Paesi musulmani.

Nel filmato il gruppo di estremisti minacciava di uccidere Arrigoni se entro le 16 di oggi pomeriggio il governo di Hamas non avesse scarcerato alcuni militanti a loro affiliati che erano stati arrestati.

L'ultimatum, però, non è stato rispettato e il corpo senza vita del volontario italiano è stato ritrovato questa notte in un appartamento di Gaza dalle forze di sicurezza del governo di Hamas.

A nulla è servita l'immediata mobilitazione delle forze del governo di Gaza, nè l'attività della Farnesina e del Consolato italiano di Gerusalemme (che aveva avviato un tentativo di mediazione): i sequestratori, non è ancora chiaro per quale motivo, hanno ucciso Arrigoni prima della scadenza minacciata.

Un portavoce del governo di Hamas, Yiab Hussein, ha annunciato che le forze dell'ordine sono riuscite ad arrestare due dei sequestratori di Arrigoni, e hanno espresso la ferma volontà di catturare tutti i componenti del gruppo. «Vittorio Arrigoni era un amico del popolo palestinese, questo è un crimine atroce contro tutti i nostri valori».

36 anni, Arrigoni era un giovane militante dell'International Solidarity Movement, un gruppo di attivisti filopalestinesi impegnati in una protesta non violenta contro l'occupazione israeliana della Striscia di Gaza. Il volontario viveva ormai da tre anni a Gaza City, dove ha partecipato a diverse operazioni in aiuto della popolazione palestinese.

Insieme ad altri militanti del movimento, aveva fatto da scudo umano ai pescatori e ai contadini di Gaza per permettere loro di lavorare nelle aree vietate dagli israeliani e nel 2008 aveva partecipato alla missione internazionale Free Gaza, che tentò di forzare il blocco navale israeliano per portare aiuti umanitari ai palestinesi.

Era un collaboratore de Il Manifesto e raccontava la sua esperienza sul blog guerrillaradio.iobloggo.com. Ha scritto un libro, "Restiamo umani", in cui ha ricostruito dal punto di vista dei pacifisti l'Operazione Piombo Fuso condotta dagli israeliani nel 2008 e 2009.

Il suo impegno lo aveva reso un personaggio molto noto a Gaza, a volte anche controverso. Per il gruppo di estremisti salafiti che l'hanno rapito e ucciso, era certamente nella lista dei bersagli occidentali.

Oggi in diverse città italiane si terranno manifestazioni e cortei in suo ricordo. Il ministero degli Esteri, oltre a esprimere «forte sgomento per il barbaro assasinio» e «il più sincero cordoglio alla famiglia», ha anche «condannato nei termini più fermi il vile e irragionevole gesto di violenza da parte di estremisti indifferenti al valore della vita umana, compiuto ai danni di una persona innocente che si trovava da tempo in quella zona per seguire da vicino con forte impegno personale la situazione dei palestinesi della Striscia di Gaza».


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
elisabeth 65 mesi fa

I've no words just my condolnce to the family he was a great man my apoligisy for this shame God Bless the family and God bless him really no words for this all i can do is apoligize and think is an angel on the sky now I do have no words for th family but please sorry he was a wonderful guy Elisabeth

RedHeart 65 mesi fa

Sentite condoglianze alla famiglia. Mi spiace tantissimo per questa perdita. Vittorio, "RESTIAMO UMANI".

lilithcarla 65 mesi fa

UN SALUTO VITTORIO SE CI PUOI SENTIRE SAPPI CHE TU SEI UN VERO EROE UNA PERSONA CHE HA PERSO LA VITA PER AIUTARE I PIu' DEBOLI ! NON è GIUSTO CHE LA TUA VITA SIA STATA COSI BARBARAMENTE TRANCIATA MA TI SALUTIAMO PERCHè SEI UN UOMO LIBERO! UN GRANDE UOMO CIAO VITTORIO. PERCHè IL TUO ESEMPIO SERVA PER LA GIUSTIZIA.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).