DAL MONDO14:25 - 21 aprile 2011

Elezioni, la campagna di Obama riparte da Facebook

Il presidente apre la campagna elettorale rispondendo alle domande dei giovani

di Flavia Parini
<p>Elezioni, la campagna di Obama riparte da Facebook</p>
PHOTO GETTY IMAGES

«Il deficit americano è insostenibile, i ricchi dovranno pagare più tasse. Per te, caro Zuckerberg, so che non sarà un grosso problema». È un presidente degli Stati Uniti simpatico e che sa stare allo scherzo, quello che ieri sera si è presentato alla sede di Facebook per aprire la campagna elettorale per il 2012.

Circondato da decine di giovani, Barack Obama ha parlato di tutti i temi più importanti dell'attualità americana e internazionale e ha risposto puntualmente alle domande dei ragazzi.

Prima, però, ha invitato il fondatore del social network a levarsi la giacca: «Buongiorno, mi chiamo Barack Obama. Sono quello che una volta a cena ha costretto Zuckerberg a mettersi in giacca e cravatta - ha esordito il presidente -. Ma siccome ricordo quanto sudava, ora ce la possiamo togliere tutti e due».

Debito pubblico, tagli al bilancio, immigrazione, scuola, economia e sanità: sono tantissimi i temi di cui ha parlato il presidente degli Stati Uniti. «Spero che voi non restiate delusi dalla nostra democrazia - ha detto Obama -. Ricordatevi che abbiamo visto tempi peggiori, ma non posso cambiare le cose da solo. Dovete continuare a impegnarvi, a mobilitarvi tutti».

Più che un comizio, quello del presidente è stata una chiacchierata semplice e diretta, fatta con il linguaggio dei giovani. La scelta stessa di affidare la partenza della campagna elettorale a un social network è di per sè già assolutamente innovativa e giovanile.

Barack Obama, già indicato da molti come il presidente dell'era del web, sembra essere deciso a continuare sulla strada della campagna elettorale on-line.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).