DAL MONDO15:48 - 05 maggio 2011

Un giorno senza Internet?
Per i giovani è una tortura

Un esperimento americano dimostra che i ragazzi non riescono a fare a meno del web

di Flavia Parini
<p>Un giorno senza Internet?<br />
 Per i giovani è una tortura</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Un giorno intero senza connessione a Internet, senza cellulare e senza tv. È questo l'esperimento che l'Università del Maryland ha proposto a 1000 giovani universitari di tutto il mondo.

Il test, battezzato «The world unplugged», ha costretto i ragazzi a vivere per 24 ore con solo un taccuino e un telefono fisso. Il risultato è che la maggior parte dei ragazzi, senza connessione al web, si sente completamente persa.

«Ero ansioso, irritabile, mi sentivo insicuro», ha dichiarato uno dei giovani che hanno partecipato all'esperimento americano. Gli fanno eco molti suoi coetanei: «Mi sentivo solo», «Il silenzio mi stava uccidendo», «Avevo l'impressione che mi fosse stato amputato un braccio», «Mi sentivo solo e depresso e mi sono messo a fissare il muro».

Il messaggio è fin troppo chiaro: i giovani non riescono a vivere senza un supporto tecnologico e, in particolare, senza il web. «Le relazioni sociali dei giovani oggi viaggiano attraverso la tecnologia - ha detto Susan Moellerm, coordinatrice della ricerca, citata sulle pagine di Repubblica -. Questi ragazzi sono cresciuti con una connessione sempre disponibile».

In effetti, il 100% degli studenti testati ha un cellulare, l'85% possiede un proprio computer e il 59% ha imparato a navigare in rete prima di aver compiuto 10 anni. Oggi, che frequentano l'Università, trascorrono circa 3 o 4 ore al giorno connessi a Internet, in particolare a un social network.

Tra le attività tecnologiche più faticose da abbandonare, Facebook è certamente in testa. Sono davvero pochi i giovani che non hanno avuto la tentazione di postare uno status o di trascorrere qualche mezz'ora in chat.

Fra i dieci Paesi testati, gli Stati Uniti sono risultati la Nazione col più forte livello di dipendenza dalla tecnologia, ma i dati non sono così distanti da quelle degli altri paesi, come Messico, Libano e Argentina. Chi, invece, sembra riuscire a vivere bene anche offline sono gli studenti di Uganda e Slovacchia.

La dipendenza dal web, dunque, non è uno scherzo. Per questi ragazzi l'esperimento è stato talmente duro da essere definito «crudele».


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Giovanna 64 mesi fa

Che tristezza.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).