DAI PALAZZI14:55 - 06 maggio 2011

Spiagge ai privati per 90 anni: è polemica

Le norme contenute nel decreto sullo sviluppo introducono il «diritto di superficie» su coste e litorali

di Flavia Parini
<p>Spiagge ai privati per 90 anni: è polemica</p>
PHOTO LAPRESSE

Insieme all'estate, sulle spiagge italiane sta per arrivare una vera e propria rivoluzione. Secondo il decreto sullo sviluppo varato ieri dal governo, infatti, d'ora in poi i gestori degli stabilimenti balneari avranno il «diritto di superficie» della spiaggia per 90 anni.

Non ci saranno più, dunque, le attuali concessioni, che hanno una durata limitata. Chi ha avuto finora la gestione dei lidi, costruendo chioschi, stabilimenti e alberghi, ne diventa effettivamente il proprietario per 90 anni.

Durante questo periodo di tempo dovrà pagare un canone che sarà diviso tra Regioni, Comuni e Stato. Il decreto prevede anche la possibilità ai privati di ristrutturare gli stabilimenti, ampliarli e costruire nuovi edifici.

«La spiaggia resta pubblica a tutti gli effetti, ma era ora di valorizzare il turismo, soprattutto nelle coste - ha dichiarato il ministro dell'Economia Giulio Tremonti -. Pensiamo che un diritto di superficie lungo dia una prospettiva di tempo logica per fare davvero gli investimenti e creare lavoro. Ma questo non vuole dire che le spiagge diventano private, sono sempre pubbliche e sarà garantito l'accesso libero al bagnasciuga».

Soddisfatta la Federazione italiana imprese balneari, mentre invece è molto diversa l'opinione delle associazioni ambientaliste, in primis Legambiente.

Il presidente Vittorio Cogliati Dezza ha infatti dichiarato: «Mai avremmo potuto immaginare di raggiungere un punto così basso. Il Belpaese smembrato e devastato dal cemento, facendo un regalo a criminali e speculatori».

Anche l'Unione Europea ha espresso dei dubbi in merito alla nuova normativa e ha chiesto chiarimenti al governo italiano: «Se confermato, il provvedimento non sarebbe conforme alle regole del mercato unico europeo - ha spiegato Chantal Hughes, protavoce del commissario al Mercato interno Michel Barnier -. Quello che ci inquieta, in particolare, è se alla fine del periodo di concessione non ci sia il diritto quasi automatico per il gestore a ottenere il rinnovo. Secondo le norme Ue, le concessioni devono avere una durata appropriata e alla fine del periodo limitato deve essere garantita l'apertura alla concorrenza».


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
calzo36 64 mesi fa

sarà garantito l'accesso libero al bagnasciuga...ma nn ci crede nemmeno il bimbo in culla.... sn tt collusi e tt presenti qnd c'è da prendere decisioni a loro favore

calzo36 64 mesi fa

io nn mi vergogno di essere italiana mi vergogno della loro mancanza assoluta di moralità e dignità e della nostra incapacità di MANDARLI A CASA UNA VOLTA X TUTTE ...possibile ke siamo cs PIGRI esercitare i ns diritti!?

antonio 64 mesi fa

MA STA ROBERTA CON QUALE TESTA R......................................

antonio 64 mesi fa

a me fanno paura quelle persone (che berlusconi usa il termine di coglioni) che difendono tutto quello che fa il cosiddetto goveno belusca che in realta' è il goveno di sua proprietà in quanto non esiste un parlamento eletto dal popolo ,ma esistono dei nominati sevitori. Di fatto con questa legge le spiagge saranno oggetto di speculazione edilizia di proprietà dei privati. avremo cemento sulle spiagge. E' la concorenza che fine avrà. Chi vota berlusconi non li chiamo coglioni ,perchè è un termine che può usara berlusconi , ma sprovveduti e ciechi anche di fronte all'evidenza.

antonio 64 mesi fa

MI VERGOGNO DI ESSERE RAPPRESENTATO DA UN PARLAMENTO NOMINATO E NON PIù ELETTO DAL POPOLO, PER CUI AL SEVIZIO DI LI HA NOMINATO.

roberta 64 mesi fa

ma chiunque tu sia sei una grandissima ignorante!!!!! se mandi le spiagge all'asta ogni sei anni lo capisci che solo un russo o un mafioso potrà permettersi di vincerla con soldi sporchi?chi ha cinque milioni di euro da buttare che in sei anni non ammortizzerai MAI!chi?GRANDI CATENE CHE RIDURREBBE LE SPIAGGE A MERI AUTOGRILL DOVE TUTTO DIVENTEREBBE OLTRE CHE SCADENTe(perchè in caso di monopolio non importerebbe a nessuno offrire la qualità)COSTOSISSIMO;MAFIOSI per riciclare soldi sporchi della droga;RUSSI idem; e tu andresti a spiaggia e troveresti un panino con il prosciutto cotto fatto dagli scarti del maiale a 15 euro e magari vetri chiodi e siringhe mentre tu o tuo figlio passeggiate in riva al mare,perchè a loro cosa importa di curare la spiaggia se tanto tra sei anni gli viene levata e gli serviva solo per buttar via soldi derivanti da attività criminose! INFORMATEVI ISTRUITEVI LEGGETE! cosa fa girare l'economia in italia?solo più IL TURISMO ormai!e lo vuoi distrugge?

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).