DAI PALAZZI10:28 - 17 maggio 2011

Pisapia in vantaggio a Milano.
Bersani: «Il vento sta cambiando»

Il centrosinistra conquista Torino e Bologna. Ballottaggio per Napoli e Milano

di Flavia Parini
<p>Pisapia in vantaggio a Milano.<br />
Bersani: «Il vento sta cambiando»</p>
PHOTO LAPRESSE

I risultati emersi dallo spoglio delle schede elettorali hanno stupito tanti italiani. Di certo sono stati una sorpresa per il premier Silvio Berlusconi, soprattutto per quanto riguarda i dati della città di Milano.

La gara per il sindaco del capoluogo milanese, infatti, era diventata simbolica anche sul piano nazionale. Era stato lo stesso Presidente del Consiglio a politicizzare la campagna elettorale, trasformando quasi la competizione amministrativa in un referendum per saggiare il consenso degli italiani nei suoi confronti. Tanto che aveva deciso di presentarsi come capolista del Pdl, a sostegno del sindaco uscente Letizia Moratti.

Questa volta, però, le cose non sono andate come ci si aspettava. Il candidato di Sinistra ecologia e libertà Giuliano Pisapia, dopo aver vinto le primarie del centrosinistra, è lanciato in alto anche nelle amministrative. Lo ha votato il 48,1% dei milanesi, mentre la Moratti si è fermata al 41,5%. Sette punti di distacco, non abbastanza per evitare il ballottaggio, ma sufficienti per far dire al leader del Pd Pierluigi Bersani che «il vento sta cambiando. E soffia dal Nord».

Sempre a Milano, il candidato del Terzo polo ottiene il 5,5%, mentre il Movimento a cinque stelle arriva al 3,3%.

Servirà il ballottaggio anche per decidere il sindaco di Napoli: Gianni Lettieri del Pdl è il più votato con il 38,3%, ma i due candidati dell'opposizione (l'ex magistrato Luigi De Magistris dell'Idv con il 27,2% e il prefetto Mario Morcone del centrosinistra con il 19,8&%) insieme lo sopravanzano. Il Terzo polo ottiene il 9,7% e diventa determinante.

A Torino e a Bologna, invece, il centrosinistra vince al primo turno. Nel capoluogo piemontese Piero Fassino ha sbaragliato gli avversari, raggiungendo il 56,7%. Il candidato del centrodestra Michele Coppola arriva solo al 27,3%, mentre Alberto Musy del Terzo Polo ottiene il 4,8% e il movimento dei "grillini" il 5%.

A Bologna è sindaco il candidato del centrosinistra Virginio Merola, che ottiene il 50,5%. Manes Bernardini, candidato del centrodestra, si ferma al 30,3%.

A Trieste e a Cagliari si va al ballottaggio con la coalizione di centrosinistra in vantaggio.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

lilithcarla 64 mesi fa

Non è che il vento stia cambiando perchè non credo che gli Italiani siano cosi stupidi da volere sindaci con connivenze con i rossi e terroristi del passato..ma il centro destra paga le promesse non mantenute La Lega in primis paga perchè non ha saputo difenderci dai clandestini e tutto il centro destra paga per l'assurda guerra con la Libia..pagano E gli italiani passano dalla padella alla brace Come sempre paghiamo noi Sono amareggiata di questo risultato elettorale

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).