DAL MONDO17:12 - 26 maggio 2011

Obama in Inghilterra tra siparietti e gaffe

Dalla partita di ping pong con David Cameron al brindisi durante l'inno inglese

di Flavia Parini
<p>Obama in Inghilterra tra siparietti e gaffe</p>
PHOTO KIKA PRESS

Di certo non si può dire che quello di Barack Obama sia stato un viaggio tranquillo. In Inghilterra per una visita ufficiale alla Regina Elisabetta e al premier David Cameron, il presidente degli Stati Uniti è stato protagonista, insieme alla moglie Michelle, di numerosi siparietti divertenti e di qualche gaffe.

Il primo momento di imbarazzo c'è stato all'arrivo della coppia presidenziale a Buckingham Palace: Barack Obama e la first lady, infatti, salutano la Regina stringendole la mano con decisione, mentre il cerimoniale vorrebbe che la mano della sovrana venisse baciata. Sempre meglio, certo, della visita precedente, quando Michelle Obama "addirittura" abbracciò Elisabetta.

Altra gaffe, ancora più grave secondo il protocollo inglese, è stata quella di proporre un brindisi nel momento sbagliato: durante la cena ufficiale, Obama ha alzato il calice e iniziato il suo discorso quando stavano per partire le note dell'inno britannico. Solitamente in Gran Bretagna l'inno si ascolta in silenzio e sull'attenti, invece l'ignaro presidente americano ha continuato a parlare.

La Regina Elisabetta ha posato il bicchiere sul tavolo visibilmente imbarazzata, mentre Obama continuava a tenere alto il calice e a rivolgerlo verso la sovrana. Poi deve aver capito che qualcosa non andava, e ha finalmente taciuto. Una volta terminato l'inno, la Regina ha ripreso il bicchiere e ha risposto timidamente al brindisi.

Ma sono davvero tantissimi i momenti divertenti di questo viaggio della coppia presidenziale: Obama, ad esempio, ha preparato un barbecue nel giardino di David Cameron, a Downing Street e, sempre in coppia con il premier inglese, ha sfidato a ping pong una coppia di giovani studenti.

Infine, forse confuso dall'emozione di essere il primo presidente americano a tenere un discorso nell'Abbazia, Obama ha firmato il libro degli ospiti di Westminster annotando la data del 24 maggio 2008.

Non che in Irlanda, prima tappa del viaggio in Europa, fosse andata molto meglio: l'automobile del presidente, infatti, è andata subito in panne. Che fosse un segnale di avvertimento?


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Giovanna 67 mesi fa

ah è vero sembra magilla gorilla !! non Cita

libellula88 67 mesi fa

Io trovo che nella loro goffaggine e semplicità siano simpatici...e la battuta su Cita ve la potevate anche risparmiare...

lilithcarla 67 mesi fa

Giovanna Giovanna non dire queste cose....non le dire..ma sapessi come condivido

claudiart76 67 mesi fa

ma nell'entourage degli Obama nessuno conosce il galateo?? Lei ha fatto una figura da sotterrarsi... e lui poco meglio.

Giovanna 67 mesi fa

la Obama sembra Cita, la scimmia di Tarzan

lilithcarla 67 mesi fa

Molto più elegante la Regina

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).