DALL'ITALIA11:53 - 27 maggio 2011

Delitto di Avetrana: arrestata Cosima Serrano, la zia di Sarah

La madre di Sabrina è accusata di concorso in omicidio e soppressione di cadavere

di Flavia Parini
<p>Delitto di Avetrana: arrestata Cosima Serrano, la zia di
Sarah</p>
PHOTO LAPRESSE

Cosima Serrano è stata arrestata giovedì sera con l'accusa di aver partecipato all'omicidio della nipote Sarah Scazzi. La svolta dell'inchiesta, che arriva a nove mesi di distanza da quel 26 agosto in cui Sarah è stata uccisa, è giunta poco dopo le 19, quando i carabinieri hanno prelevato la zia Cosima con un'ordinanza di custodia cautelare.

Secondo la procura, la Serrano ha visto la figlia Sabrina (in carcere dal 15 ottobre) soffocare la cugina quindicenne senza tentare di fermarla. La donna avrebbe poi svegliato il marito Michele Misseri (anche lui in cella) chiedendogli di aiutarle a trascinare il corpo nel garage e a caricarlo in macchina.

La presenza di Cosima sulla scena del delitto e nel garage è stata provata grazie alla mappatura delle celle dei telefonini della famiglia Misseri. Secondo i carabinieri, i cellulari dei Misseri, quando sono in casa, agganciano una cella Umts. Cella che non viene invece agganciata quando i telefoni si trovano nel garage interrato. In quel caso i segnali vengono trasmessi da una cella Gsm, di tipo diverso.

Questo dimostra che, alle 15.25, Cosima Serrano si trovava nel garage di casa, luogo in cui è stata captato anche il segnale del cellulare di Sarah. Il giorno dopo, invece, il telefono della zia era in una zona compatibile con il luogo in cui venne nascosto, in una cisterna, il cadavere della quindicenne, nelle campagne di Avetrana.

La Serrano è dunque accusata di concorso in omicidio e sopressione di cadavere. Ora è stata portata nel carcere di Taranto, dove già si trovano il marito Michele, che inizialmente confessò di aver ucciso Sarah (rivelando il luogo dove era stato posto il cadavere) e poi denunciò la figlia Sabrina. Quest'ultima è accusata di omicidio premeditato.

Il movente sarebbe quello della gelosia: Sabrina non sopportava che Ivano, il giovane cuoco di cui si era invaghita e che l'aveva rifiutata, mostrasse delle attenzioni per Sarah.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
lilithcarla 65 mesi fa

m come si fa? io non capisco..come fa la mente umana a creare simili mostri? Forse una donna frustrata gelosa della bellezza e della giovinezza della povera Sara.io non capisco..non capisco come sia concepibile pensare di usare violenza su un altro simile..ma anche su un animale L'animo umano mi spaventa.pazzesco. Che pena per questi assassini? nn credo ce ne siano.rimane solo il dolore di questa ragazza di questo angioletto biondo di 16 anni con la vita spezzata Non saprei giudicare .

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).