DAL MONDO11:29 - 06 giugno 2011

Batterio killer, la causa è nei germogli di soia

Chiusa l'azienda tedesca che li produceva. Intanto il bilancio dei morti è salito a quota 22

di Flavia Parini
<p>Batterio killer, la causa è nei germogli di soia</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Mancano ancora i risultati degli ultimi test, ma ormai la notizia si può dire ufficiale: sono stati i germogli di soia a diffondere la variante killer del batterio Escherichia Coli. Dopo frenetiche giornate di studio e di esami, i ricercatori hanno trovato il batterio nei germogli di soia freschi prodotti da un'azienda agricola della Bassa Sassonia.

L'azienda è stata immediatamente chiusa e le autorità tedesche hanno avvertito di non mangiare germogli o altre verdure crude. L'allarme è più alto per la popolazione delle regioni settentrionali della Germania, dove il batterio killer ha colpito un numero più elevato di persone.

Secondo gli esperti, il modo in cui i germogli vengono coltivati (in barili metallici, portandoli a temperature intorno ai 38 gradi) può creare le condizioni adatte allo sviluppo dei batteri. Ci sarebbe anche un precedente: nel 1996 un'epidemia del batterio Escherichia Coli colpì oltre 12 mila persone in Giappone proprio a causa dei germogli di soia.

In ogni caso, gli scienziati e i ricercatori continuano a indagare sul batterio, dato che, ha detto il presidente dell'Istituto Robert Koch Reinhard Burger, «non si può escludere nessuna causa e nessun luogo di origine dell'infezione, nè che essa sia ancora attiva e in circolazione, in verdure o altrove». Intanto il numero delle vittime è salito a quota 22. I contagiati in Europa sarebbero 2263, di cui 658 sono stati colpiti dall'insufficienza ematica e renale.

Per quanto riguarda l'Italia, la Coldiretti ha tranquillizzato i consumatori: «I germogli di soia sono un prodotto che da noi si usa quasi esclusivamente fresco, per questo nei supermercati si trova prevalentemente quello prodotto in Italia».


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).