DAI PALAZZI12:20 - 15 giugno 2011

Brunetta ai precari: «Siete l'Italia peggiore»

È polemica sulle parole che il ministro ha rivolto ad alcuni rappresentanti dei lavoratori precari

di Flavia Parini
<p>Brunetta ai precari: «Siete l'Italia peggiore»</p>
PHOTO LAPRESSE

Si è concluso tra le polemiche il convegno per la Giornata nazionale dell'Innovazione che si è svolto martedì a Roma. Protagonisti della vicenda il ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, e alcuni lavoratori precari.

Brunetta aveva appena terminato il suo intervento, quando alcuni militanti della «Rete precari della pubblica amministrazione» si sono alzati dalla platea e hanno chiesto il permesso di rivolgere una domanda al ministro. La richiesta è stata accettata: Brunetta stesso li ha invitati ad avvicinarsi al palco. Nel momento in cui, però, una donna ha preso il microfono e ha rivelato di far parte della «Rete precari», Brunetta le ha detto «arrivederci», le ha voltato le spalle e se ne è andato.

«Siete l'Italia peggiore, io con voi non parlo», ha aggiunto mentre usciva dalla sala. I precari hanno iniziato a replicare alle parole del ministro (che si è allontanato in macchina) e tra loro e alcuni partecipanti al convegno è scoppiata un'aspra polemica.

Le parole del ministro hanno provocato diverse reazioni da parte dell'opposizione e della rete: per tutta la giornata di mercoledì 15 giugno si sono susseguiti, da Facebook a Twitter, post e commenti sulla vicenda.

Aggiornamento delle ore 16.30: Renato Brunetta ha deciso di intervenire nella polemica e di raccontare la sua versione dei fatti attraverso un video diffuso su YouTube. Nel messaggio il ministro dice che l'Italia peggiore non è quella dei precari tout court, ma «quella di quanti approfittano di un disagio vero, quello di tanti giovani, per fare azione squadristiche di questo tipo».

I contestatori di ieri, dice Brunetta, «erano quattro o cinque, non tanti, un po' attempati, che evidentemente non hanno di meglio da fare che organizzare agguati mediatici di questo tipo». Per vedere il video pubblicato dal ministro clicca qui.

 

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Giovanna 66 mesi fa

Oh donne qui mi sa che il Ministro si sia abbassato di cinque centimetri, sia vedendolo da destra che da sinistra. Comunque non litigate. Vi fate solo cattivo sangue. La politica non è così romantica come la pensate....

Cristina 66 mesi fa

Un ultimo consiglio per Giulia, se la tua vita non ti piace, prendi in mano le redini e cambiala, bisogna solo avere coraggio e fiducia, non dipende dagli altri, dipende solo da noi.

Giulia 66 mesi fa

Non mi permetterei mai di augurarti una vita da precaria, benchè creda che sia proprio quello che ti ci vorrebbe per capire un padio di cosette, quindi mi limito ad augurarti buona fortuna per il resto, e chissà magari un giorno vedrai le cose dal mio (dal nostro, perchè siamo in tanti) punto di vista. E con questo ti saluto.

Cristina 66 mesi fa

Giulia, carissima, mi hai detto di vergognarmi, di non avere nessuna pietà per quelli come me, che dico cose insensate, che è per colpa di quelli come me che le cose vanno come vanno, pur con tutto il mio buonumore ritengo che tu abbia "cercato" di offendermi, sai che ti dico, non ci sei riuscita, ti voglio bene lo stesso, cercavo un confronto civile perchè credo che tu lo sia, va beh, sei troppo arrabbiata (scusa se ci riprovo...) forza, ce la faremo.

Giulia 66 mesi fa

D'accordo Cristina, va bene: sei esattamente come le persone che pretendi di giustificare. Cieche e sorde. Va bene così. Anzi no: perchè è proprio grazie alle persone come te che siamo governati da persone come loro.

Cristina 66 mesi fa

Per Giulia. Scusa non sapevo che tu fossi una di quelle persone che ancora crede a tutto quello che scrivono i giornali... Comunque io penso che il marcio che vediamo negli altri sia lo specchio di quello che abbiamo dentro e a questo punto non posso far altro che augurarti di nuovo tante cose belle.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).