DAL MONDO12:06 - 16 giugno 2011

E. Coli, paura in Francia per sei bambini.
Forse colpa degli hamburger

Non è chiaro se il batterio sia la stessa variante che ha causato l'epidemia in Germania

di Flavia Parini
<p>E. Coli, paura in Francia per sei bambini.<br />
Forse colpa degli hamburger</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Il batterio Escherichia Coli fa ancora paura. Proprio nei giorni in cui l'allarme in Germania iniziava a calare, un nuovo focolaio del batterio è stato scoperto in Francia, a Lille. Sei bambini, di età compresa tra i 20 mesi e gli 8 anni, sono stati ricoverati in ospedale per un'infezione alimentare dopo aver mangiato degli hamburger surgelati.

I medici del policlinico di Lille hanno parlato di condizioni «gravi», ma «non preoccupanti». I bambini hanno iniziato a sentirsi male (come da copione, il sintomo principale è la disenterria emorragica) dopo aver mangiato gli hamburger surgelati di marca «Steaks Country», venduti negli ipermercati Lidl. Tre dei bambini sono ora in dialisi, a causa di un interessamento dei reni.

Le autorità regionali hanno già disposto il ritiro delle confezioni di hamburger «Steaks Country», ed è stato lanciato un appello a chi le avesse acquistate a riportarle nei punti vedita. Lo stesso invito è stato lanciato da Lidl.

Secondo i primi accertamenti, l'infezione potrebbe essere totalmente slegata da quella del batterio killer che ha provocato circa 38 morti in Germania. Si tratterebbe, dunque, di una variante differente del batterio E. Coli.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Giovanna 64 mesi fa

FORSE sarebbe meglio diventare consumatori più consapevoli e informati. L'industria si sa e si è capito...non guarda alla salute! coi forse non si risolvono le epidemie e le infezioni dilaganti IMPARATE A DIFENDERVI con la vostra INTELLIGENZA

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).