DALL'ITALIA11:30 - 05 luglio 2011

Anonymous, identificata la cellula italiana degli hacker

La Polizia informatica ha svolto decine di perquisizioni e ha denunciato 3 persone

di Flavia Parini
<p>Anonymous, identificata la cellula italiana degli hacker</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Gli Anonymous sono stati scoperti. In questi giorni il Centro Nazionale Anticrimine Informatico della Polizia delle Comunicazioni ha concluso le indagini sul gruppo di hacker informatici che negli scorsi mesi hanno attaccato diversi siti internet di aziende e istituzioni italiane. Questa mattina gli agenti hanno svolto una raffica di perquisizioni in tutto il territorio nazionale.

Secondo il Corriere della Sera, la Polizia informatica ha denunciato tre persone: il capo della cellula degli Anonymous italiani (si tratta di un ragazzo di 26 anni residente nel Canton Ticino) e altri due hacker. Nell'indagine sembrano essere coinvolte altre 36 persone, tra cui anche dei minorenni.

Le accuse non dovrebbero portare a degli arresti, ma dai proprietari dei portali colpiti potrebbero partire le cause civili. Da gennaio fino a oggi gli attacchi della cellula italiana degli Anonymous hanno colpito i siti di Eni, Finmeccanica, Poste e Unicredit e quelli di istituzioni come Senato, Camera, Governo e Agcom.

Ora si temono azioni dimostrative da parte degli altri rami internazionali di Anonymous come risposta all'operazione della Polizia informatica italiana.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).