DALL'ITALIA11:11 - 15 luglio 2011

Il Tar annulla la giunta di Roma: non rispetta le quote rosa

Il tribunale regionale ha accolto il ricorso presentato da Verdi, Pd e Sel

di Flavia Parini
<p>Il Tar annulla la giunta di Roma: non rispetta le quote rosa</p>
PHOTO LAPRESSE

Una donna sola su 11 assessori non basta. Lo hanno deciso i giudici del Tar del Lazio che oggi hanno annullato la giunta del Comune di Roma per «mancato rispetto delle quote rosa».

I giudici della seconda sezione del tribunale regionale, presieduti da Luigi Tosti, hanno accolto i ricorsi presentati dai Verdi, dalle consigliere comunali di Roma Monica Cirinnà e Maria Gemma Azuni (Pd e Sel) e delle consigliere della Parità della provincia di Roma e della Regione Lazio Francesca Bagni e Alida Castelli.

Il problema delle quote rosa era già stato sollevato più volte, soprattutto dopo il rimpasto del gennaio 2011. In quell'occasione, infatti, la giunta guidata dal sindaco Gianni Alemanno, con l'uscita dell'assessore alle Politiche sociali Laura Marsilio, ridusse ancor di più la rappresentanza femminile: da 2 donne e 9 uomini a una sola donna a fronte di 10 uomini.

Troppo poco, secondo il Tar del Lazio. Una componente «rosa» così bassa in giunta, infatti, viola un articolo dello Statuto del Comune che prevede una «rappresentanza equa» delle donne.

Il sindaco Gianni Alemanno ha reagito nel giro di poche ore nominando assessore Rosella Sensi, ex presidente della As. Roma, con la delega alla Promozione della città e allo sport.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Giovanna 65 mesi fa

speriamo non siano stronze tanto quanto gli assessori masculi

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).