DALL'ITALIA13:09 - 21 luglio 2011

Napoli, arriva il ballo anti-monnezza

Un ragazzo balla tra i rifiuti e poi tra le bellezze della città. Il video conquista il web

di Flavia Parini
<p>Napoli, arriva il ballo anti-monnezza</p>

Forse non diventerà il tormentone dell'estate, ma di certo non si può dire che passi inosservato. Stiamo parlando di «Dov'è Napoli? (where the hell is munnezza)», il ballo anti-monnezza diffuso su YouTube da un gruppo di videomaker napoletani, i The Jackal.

Il video, ispirato alla serie di filmati di Where the hell is Matt?, mostra un ragazzo che balla da solo in mezzo ai rifiuti di Napoli. Poi compare una scritta, «Napoli. Da soli non si puo' fare molto. Per cambiare bisogna essere in tanti», ed ecco che il giovane inizia a ballare tra le bellezze di Napoli. A lui si uniscono prima qualche turista, poi altri ragazzi, infine un gruppo di allegri bambini.

«La nostra città cambiamola insieme», si legge nell'ultima sequenza del video. Il messaggio dei The Jackal è chiaro: Napoli è una città bellissima, oppressa da tempo dai rifiuti e dallo sporco. Tutti, a partire dai semplici cittadini, devono darsi da fare per cambiare le cose.

Il video è cliccatissimo e conta già migliaia di commenti di persone che, commosse, esprimono solidarietà alla popolazione di Napoli. Qualche utente ha anche proposto che il video venga trasmesso in televisione, sulle reti nazionali, come se fosse una pubblicità progresso.

Guarda il video


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Giovanna 65 mesi fa

So che è attivo un gruppo di cittadini napoletani e ciò mi fa enorme piacere! Mai sottovalutata la Cultura Napoletana e mai ti ho detto di andartene da lì cara Daza...solo di respirare aria buona ogni tanto! Smile

maryann87 65 mesi fa

è veramente un peccato,una delle città più belle del nostro paese...il brutto è che ci sono persone ignoranti (come altro chiamarle),che danno la colpa di tutto questo ai napoletani,senza capire che la cosa è di una complessità assurda!Ma perchè nel 2011 esistono sempre queste situazioni?Perchè si è razzisti anche con i nostri connazionali??Per me rimane un mistero....

Nisky 65 mesi fa

anke io cm daza abito a napoli e vedere tutti i giorni le strade sporche fa male....xò diciamo ke il governo sta facendo di tutto per far sprofondare ankora di + napoli nella spazzatura....ho amici che ogni settimana organizzano manifestazioni per pulire strade e parchi...si mettono i guanti e raccolgono la spazzatura...ma lo fanno senza fatica e con coraggio..xkè hanno napoli nel cuore....io credo che se qualcuno dall'alto capirebbe almeno un terzo dei nostri problemi ci aiuterebbe e farebbe qualcosa per noi...

daza 65 mesi fa

Per lavoro viaggio molto,ma sono del parere che-io non rinnego quello che sono,non rinnego la mia terra,non scappo davanti alle difficoltà...essere napoletani è molto più di ciò che si pensi,è avere una storia fortissima alle spalle,un'eredita fatta non solo di dialetto,di canti e danze...napoletani lo si è nel sangue.Io amo la mia terra alla quale sono legata visceralmente...purtroppo però non posso fare a meno di vedere,quello che altri fanno alla mia terra.I napoletani stanno uscendo dal loro guscio e stanno riprendendosi la città,ci si organizza per ripulire piazze,lavare monumenti,estirpare le erbacce...purtroppo il problema dei rifiuti è più grande di noi,ci sono scioperi ,manifestazioni,proteste..molto frequentemente,ma ai media forse il lato buono della medaghlia nn interessa

Giovanna 65 mesi fa

Fai bene a testimoniare queste cose. Perché non scrivi un libro raccogliendo tante altre testimonianze dei tuoi amici? Anche questo spazio web, ma anche tanti altri sono importanti. Sono bene al corrente di ciò che scrivi. Mi chiedi se è umano ? Credo che oggi come oggi la categoria di umano faccia acqua da ogni parte...cara daza...per questo e per tanto altro che succede nel mondo purtroppo. Volevo chiederti se hai mai pensato di andare via per un pò da lì, staccare la spina...potresti farlo ? Quello che forse noi del nord non riusciamo a capire è come mai da subito i cittadini di Napoli non abbiano fatto qualcosa, mobilitandosi in prima persona, a costo di combattere contro i vari politici che hanno 'regnato'. Ma credi, la solidarietà verso Napoli è tanta. Anche la partecipazione emotiva a questo vero e proprio dramma. Ti faccio tanti auguri di nuovo. Se puoi scappa verso l'aria pulita per un pò... ,-)

daza 65 mesi fa

Giovanna purtroppo la colpa non è di De Magistris,il problema rifiuiti è vecchio di quasi 18 anni.La situazione ora non è più gestibile...è un'emergenza sanitaria di dimensioni inimmaginabili è come un terremoto,una catastrofe e se ne devono fare carico: comune,provincia,regione e stato. Il problema è arrivato sino all'UE,che ha multato lo stato per aver permesso che ciò accadesse.Io soffro d'asma da 10 anni e sono sotto continuo uso di farmaci,perchè la muffa e le esalazioni pestilenziali,mi provocano continue crisi.Ti pare umano che ciò accada? Qui non si tratta di lavare i panni sporchi in famiglia,perchè per anni le industrie del nord Italia hanno sversato rifiuti tossici(con l'aiuto della malavita) al Sud...Che ognuno faccia un -mea culpa-! Il problemma interessa l'italia tutta...Napoli è un pezzo d'Italia

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).