DAI PALAZZI10:48 - 27 luglio 2011

No alla legge sull'omofobia: «È incostituzionale»

La Camera ha votato a favore dell'incostituzionalità della proposta di legge di Paola Concia

di Flavia Parini
<p>No alla legge sull'omofobia: «È incostituzionale»</p>
PHOTO LAPRESSE

Il copione si ripete. Come nell'ottobre del 2009, l'onorevole del Pd Anna Paola Concia ha presentato alla Camera una proposta di legge che prevede un'aggravante di reato per i delitti commessi a causa di omofobia e transfobia. Come nell'ottobre 2009, la Camera ha bocciato la legge perchè «incostituzionale».

La proposta di Paola Concia prevedeva di modificare l'articolo 61 del Codice penale, inserendo fra le circostanze aggravanti di un reato l'aver agito sulla base di giudizi di carattere omofobico e transfobico. Questa modifica avrebbe reso più alta, in caso di condanna, la pena per l'accusato del reato.

La legge è arrivata ieri in discussione alla Camera, dove Pdl, Lega e Udc hanno presentato delle eccezioni di incostituzionalità . In pratica questi partiti sostengono che la proposta, prevedendo norme che tutelano più i gay degli altri cittadini, avrebbe violato il principio di uguaglianza di fronte alla legge.

L'eccezione di incostituzionalità è stata messa ai voti ed è stata approvata con 293 sì (Pdl, Lega, Udc) e 250 no (Pd, Idv e Fli). Il ministro per le Pari Opportunità Mara Carfagna, insieme ad altri 17 deputati del Pdl, ha deciso di astenersi.

Secondo la maggioranza della Camera, dunque, la proposta di Paola Concia è incostituzionale. «Oggi la maggior parte del Parlamento ha scelto di stare dalla parte dei violenti e non delle vittime delle violenze e delle discriminazioni», ha dichiarato dopo il voto l'onorevole del Pd. Il leader del partito, Pier Luigi Bersani, ha parlato di una «pagina brutta, che spero non passi inosservata».

A spiegare la posizione del Pdl ci ha pensato il capogruppo Fabrizio Cicchitto: «Noi non abbiamo nessun atteggiamento omofobo e la nostra posizione di fondo è quella di considerare i gay come dei cittadini uguali agli altri».

La bocciatura della proposta di legge ha scatenato la protesta delle associazioni per i diritti degli omosessuali. Paolo Patanè, presidente di Arcigay, ha parlato di una «decisione scandalosa per tutti» e ha chiesto al ministro Carfagna di procedere, almeno, all'estensione della legge Mancino (sulla discriminazione razziale, etnica e religiosa) anche all'omofobia.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
fanta 61 mesi fa

..e poi: perchè i gay sono cittadini uguali agli altri solo nella sfiga di essere offesi o malmenati, mentre nella fortuna o gioia di costruirsi una famiglia sono cittadini di serie Zeta?

fanta 61 mesi fa

Sulla frase "Italiani rispettosi degli altri"avrei da ridire, purtroppo..Il mio tragitto casa-lavoro dura esattamente 7 minuti di autobus: se scrivessi qui la metà delle frasi omofobe, xenofobe, irrispettose delle religione/opinioni/sentimenti altrui che mi tocca di sentire quasi quotidianamente durante tale tragitto, non basterebbe lo spazio di questo commento.

marco 62 mesi fa

Ciao amici, questa notizia mi intristisce perchè ancora una volta l'italia dimostra la sua arretratezza, dettata in questo caso da una profonda paura del diverso. Vi lascio un libro, lo sto finen do, molto bello. http://www.ebookvanilla.it/marcolino-e-lo-scambista.html

Giovanna 62 mesi fa

Stavolta donna scarlatta, non sono affatto d'accordo con te. Gli italiani purtroppo non sono affatto così come tu tendi a farli passare...'Gli italiani' non sono affatto una categoria omogenea.

Giovanna 62 mesi fa

Ma la legge non era uguale per tutti...? .... la proposta avrebbe tutelato più i gay che gli altri cittadini??... Secondo me già le DONNE in Italia sono soggette quotidianamente e in tantissimi frangenti, anche inimmaginabili, a discriminazioni, violenze e prevaricazioni, anche di carattere psicologico. Ma i 'maschioni' dovranno rassegnarsi. Le donne FORTI stanno aumentando a dismisura e saranno in grado di sgonfiare totalmente le loro tronfie pretese, e allora saranno problemi loro....ma GROSSI. Suggerisco in ogni modo, a tutte le donne, ma anche a qualsiasi altra 'categoria' (per modo di dire) DI DIFENDERSI NELLA MANIERA PIU' TATTICA E RAZIONALE POSSIBILE E DI NON ARRENDERSI MAI. ;-)

Nessuno è omofobo tra gli italiani che sono persone dignitose e rispettose degli altri Ma noi non vogliamo nessuna discriminazione Non esistono i gay e gli etero esistono solo gli uomini

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).