DALLA SOCIETA'13:21 - 08 agosto 2011

Vasco contro Liga su Facebook: sei un presuntuoso

Fine settimana online per Vasco Rossi, vivo grazie agli psicofarmaci

di Simona Marchetti
<p>Vasco contro Liga su Facebook: sei un presuntuoso</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Non si erano mai propriamente amati, ma perlomeno trattati con reciproco rispetto quello sì, anche perché avere due rockstar della loro fama era di certo motivo di orgoglio per la musica italiana.

E invece, dopo la scaramuccia via Facebook del 10 aprile scorso, nella quale Vasco Rossi invitava Luciano Ligabue «a mangiare altra polenta» prima di potersi confrontare con lui e la successiva smentita da parte della sua portavoce, Tania Sachs, (che definì il post «uno scherzo» fatto ad entrambi e non frutto della mente del Blasco), il rocker di Zocca è tornato a cantarle pesantemente online al collega di Correggio, definito «un bicchiere di talento in un mare di presunzione» in un'intervista a Red Ronnie, di cui Vasco ha pubblicato un'anteprima alle 00.28 di domenica sul suo profilo Facebook.

Ma che fosse un fine settimana all'insegna delle confessioni online lo si era già capito sabato, quando alle 23.07 il cantante aveva pubblicato una nota nella quale confessava di «assumere da tempo un cocktail di antidepressivi, psicofarmaci, ansiolitici, vitamine e altro, che mi mantiene in questo equilibrio accettabile» e senza il quale «NON (lo scrive proprio così, ndr) avrei superato tutte le consapevolezze, le sofferenze e la profonda depressione nella quale ero sprofondato nel 2001». Il messaggio, firmato V.R. e  con foto dello stesso Vasco, scattata con la webcam sullo sfondo di un cielo nuvoloso, è stato commentato da oltre 3mila utenti, tutti preoccupati per le condizioni del loro idolo.

Preoccupazioni accresciute anche dalla nota delle 2.19 di domenica (quindi un paio d'ore dopo quella contro Ligabue) nella quale Rossi «dichiara felicemente conclusa la sua straordinaria attività di rockstar». Ma non è un ritiro completo quello di Vasco: «non smetterò di scrivere canzoni e di cantarle - si legge - e neppure di fare concerti. Non mi sono ritirato, dimesso o vado in pensione. Voglio cambiare la forma non la sostanza».

L'ultima (per ora) invettiva online di Vasco è stata, invece, contro la stampa, accusata di trarre «conclusioni opposte a tutto quello che dico». Di certo, però, adesso sarà più difficile che qualcuno possa mal interpretare questo weekend pieno di parole.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
roby 57 mesi fa

bravissimo Fabio.. commento perfetto

fabio 60 mesi fa

Prova a scrivere una canzone da lucido, senza droga nè alcool se ce la fai? Ligabue è un buon esempio per i giovani proprio per il fatto che oltre a scrivere bei testi è anche una persona pulita da droghe e alcool!!! al contrario di chi ha avuto maggior numero di fans solo perchè era e soprattutto lo è tuttora una persona sbandata e ha fatto carriera grazie ad alcool e droghe. Ti auguro una buona guarigione.....e facci sapere quando ti sarai anche disintossicato se pensi di riuscirci!!!!!!!!!!

sara 61 mesi fa

vasco fai una prova vieni a lavorare con me alle 5 di mattina per un mese e a vivere con il mio stipendio....

Giovanna 61 mesi fa

Senti Lorenzo, cerca di avere rispetto di chi soffre, come Vasco in questo momento. Quando soffrirai tu spero avrai qualcuno vicino. ;-)

lorenzo 61 mesi fa

ber mi Vasco..sei alla frutta, e ti da fastidio che qualcuno possa prendere il tuo posto. Ma son sicuro che luciano non ti prenda nemmeno in considerazione, ha troppe cose da fare: cantare, fare film, scrivere libri e provare idee innovatie come il prossimo concerto di campovolo in 3d al cinema a natale. adios vasco!

Giovanna 61 mesi fa

Si vede benissimo che Vasco sta male, molto male. Penso che Ligabue rispetti il suo disagio, non esprimendosi direttamente. Poteva evitare anche suo fratello però. Era meglio pigliare una macchina e andarci a fare una chiacchierata in un bosco.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).